Exynos 9810 ufficiale: ecco il chipset del Galaxy S9

Tommaso Lenci
4 Gen 2018

Ufficializzato da Samsung il nuovo chipset top di gamma Exynos 9810, chipset che sarà montato sui prossimi Galaxy S9 e Galaxy S9+ in Europa e quindi anche in Italia.

Exynos 9810 per Galaxy S9

Oggi Samsung ha ufficializzato al mondo intero il suo nuovo chipset dedicato a tutti i dispositivi top di gamma che verranno lanciati dall’azienda coreana durante il 2018.

Stiamo parlando del chip Exynos 9810 che sulla carta avrà prestazioni molto simili (se non superiori) allo Snapdragon 845 di Qualcomm altro chipset utilizzato peri prossimi Galaxy S9 e S9+.

Exynos 9810: ecco tutte le novità e miglioramenti introdotti da Samsung

L’Exynos 9810 è prodotto direttamente da Samsung tramite processo produttivo a 10nm di seconda generazione (niente processo a 8nm come certi rumors indicavano).

Si tratta di un processo produttivo che affina la generazione precedente, diminuendo i consumi energetici.

L’Exynos 9810 ha un architettura Octa-Core composta da 4+4 Core personalizzati dalla stessa Samsung che possono funzionare ad una frequenza massima di ben 2.9 Ghz.

I primi quattro core sono adibiti ai compiti più gravosi, mentre gli altri 4 core servono per conservare l’autonomia della batteria eseguendo i compiti meno impegnativi.

Secondo quanto riportato dalla stessa Samsung le prestazioni dei singoli processori (modalità single-core) sono state aumentate quasi del doppio rispetto alla generazione precedente, mentre in multi-core (tutti i processori utilizzati insieme) le prestazioni sono aumentate del 40%.

Ovviamente bisogna aspettare ancora un almeno un mese prima di avere dei Benchmark ufficiali proveniente da smartphone quali i Galaxy S9 o S9+.

L’Exynos 9810 monta poi una GPU Mali-G72 che promette prestazioni più elevate di un 20% rispetto alla generazione precedente, ed ha il pieno supporto hardware alla codifica video HEVC H265 a 10bit e codifica video VP9 a 10bit.

Sostanzialmente i prossimi Galaxy S9 e S9+ potranno riprodurre video in formato Ultra HD 4K con qualsiasi tipo di codecs senza rallentamenti di sorta.

Il nuovo chipset di Samsung supporta poi la connettività LTE fino a 1.2 Gbps in download e 200 mbps in upload.

Per contrastare la tecnologia Face ID di Apple, l’Exynos 9810 (e quindi tutti i Galaxy S9 e S9+) ha un assistente interno (AI artificiale) che permette al processore di di riconoscere con precisione persone o oggetti nelle foto per effettuare ricerche rapide, è capace di analizzare la profondità e scansionare il volto in 3D di un utente per il rilevamento ibrido della faccia.

Il nuovo chipset top di gamma di Samsung inoltre ha una tecnologia con Doppio ISP che gli permette di supportare contemporaneamente fino a 4 sensori di immagine, come ad esempio una doppia fotocamera posteriore e una doppia fotocamera anteriore (sensore dell’iride e camera selfie).

Il doppio ISP fornisce poi una stabilizzazione avanzata delle immagini e nei video in formato Ultra HD 4k, permette di fotografare in tempo reale immagini senza mettere a fuoco, di scattare fotografie di qualità superiore in condizioni di scarsa luminosità grazie ad una riduzione del rumore e del motion blur.

Samsung mostrerà il proprio chipset a tutto il mondo durante il CES 2018 che si terrà la prossima settimana.

Lascia la tua opinione