Facebook su Android abilita Photo Magic, il riconoscimento del volto degli amici presenti nelle foto

Silvia
10 Nov 2015

Facebook ha attivato il nuovo servizio Photo Magic per una cerchia ristretta di utenti sviluppatori Android. Il progetto in versione beta tester parte dall’Australia, il servizio ha la funzione di identificare il volto degli amici presenti nelle foto scattate dal dispositivo e di taggarli per segnalare la loro presenza nel nostro scatto.

Photo_Magic

Ovviamente il servizio non esegue un invio automatico, ma chiede all’utente tramite una notifica se può inviare il tag al nostro amico con cui abbiamo stretto amicizia su Facebook. Photo Magic è un’estensione che andrà a rendere ancora più completa la nota applicazione social per i dispositivi iOS e Android. La scelta di partire affidando i test preliminari ad utenti Android, è data dalla flessibilità con cui il sistema può accedere ai dati personali presenti nel profilo, alla prima installazione sarà dunque necessario fornire l’accesso al rullino fotografico all’elenco dei nostri amici.

Dopo queste iniziali impostazioni, la funzione di riconoscimento rimarrà attiva e ogni volta che si scatterà una foto, Photo Magic procederà alla scansione dei volti dei profili degli amici per inviare il tag, se non si desidera essere inclusi nel sistema di scansione, e quindi essere taggati dagli amici, basterà disabilitare il servizio tramite le impostazioni generali del proprio account FaceBook. Dai primi risultati emerge che l’applicazione debba essere ancora perfezionata, infatti è abitudine di molti utenti inserire immagini nel profilo “temporanee” che non ritraggono il loro volto, in questo caso la ricerca andrà ampliata anche a tutte le immagini caricate dall’utente per attribuire un volto corretto ad un singolo nome, un lavoro che richiedere tantissime ore di sviluppo e ulteriori prove sul campo.

Secondo quanto trapelato da sviluppatori interni al progetto, una prima versione di Photo Magic potrebbe essere rilasciata già entro i primi mesi del 2016 per gli utenti Android, in seguito dopo un’attenta revisione imposta dalle regole Apple il servizio potrà sbarcare come aggiornamento in App Store.

 


Lascia la tua opinione