Galaxy Note 7: Samsung spiega ufficialmente cosa provocava le esplosioni

Tommaso Lenci
23 Gen 2017

Samsung spiega ufficialmente tramite un info-graphic quale è stata la causa scatenante delle esplosioni del Galaxy Note 7: i dettagli.

Galaxy Note 7: Samsung spiega le esplosioni

Fin dalle prime analisi e report usciti sul mercato dei problemi dei Galaxy Note 7 evidenziavano i possibili problemi delle batterie montate su questo ex dispositivo top di gamma.

Ad oggi Samsung ha rilasciato un report ufficiale, e pure un interessante info-graphic, spiegando e confermando che le batterie difettose hanno portato alla fine della commercializzazione del Galaxy Note 7.

Questo è il risultato finale dell’investigazione interna della casa coreana dopo aver analizzato a fondo ben 200.000 Note 7 riportati e consegnati dagli utenti durante il ritiro del prodotto, e ben 30.000 batterie utilizzate sul ex top di gamma.

Galaxy Note 7: ecco perché le batterie esplodevano

La prima batteria, chiamiamola A, quella che ha provocato le prime esplosioni e quindi costretto Samsung al primo richiamo, aveva il difetto di non riuscire a mantenere a distanza di sicurezza gli elettrodi positivi e negativi.

Quando quest’ultimi due si toccavano minavano seriamente la sicurezza della batteria, causandone in alcuni casi anche l’esplosione.

In alcuni casi la Batteria A aveva un posizionamento errato della punta degli elettrolidi negativi che hanno accentuato le casiste di esplosione tra i Galaxy Note 7.

Sono state poi adottate nuove batterie, le così dette Batterie B, dopo il primo richiamo ma anche quest’ultime non erano esenti da difetti.

Pare che quest’ultime presentavano problemi di saldatura all’interno della batteria, causando a volte il contatto tra gli elettrodi negativi e positivi.

Altre batterie B presentavano il problema dell’assenza del nastro isolante, che in caso di temperature elevate causava il danneggiamento della batteria per il calore eccessivo intorno alla batteria stessa.

Samsung ha quindi confermato che essenzialmente l’unico problema riscontrato sul Galaxy Note 7 dipendeva dalla batteria, mentre non sono stati riscontrati errori nella progettazione degli altri componenti.

Nuovi test in casa Samsung per il controllo qualità delle batterie

Samsung dopo l’investigazione ha promesso un controllo ancora più accurato della batteria sui propri prodotti, attraverso un maggior controllo sulla qualità impostato su 8 punti fondamentali: test della durata, test e ispezione visiva, controllo ai raggi x, vari test di carica e scaricamento della batteria, test TVOC, test di disassemblaggio, test di utilizzo generale accelerato, OCV TEST.


Lascia la tua opinione