Galaxy S8 avrà una risoluzione del display particolare

Tommaso Lenci
27 Gen 2017

Secondo recenti rumors il display del Samsung Galaxy S8 utilizzerà una risoluzione differente rispetto alla norma: ecco quale.

Galaxy S8 prima immagine dal vivo?

Dopo che il web ha mostrato per la prima volta la presunta immagine ufficiosa del prossimo smartphone top di gamma di Samsung, il Galaxy S8, che per alcuni sarebbe un falso per altri no staremo a vedere, arrivano altri rumors sul display del dispositivo.

Galaxy S8: rapporto e risoluzione display particolari?

Secondo quanto riportato dalle voci di corridoio provenienti da informatori cinesi, il prossimo top di gamma coreano utilizzerà una risoluzione nativa piuttosto particolare: 2960 x 1440 pixel.

Si tratta quindi di una risoluzione superiore allo standard QHD 2560 x 1440 pixel degli attuali Galaxy S7 e S7 Edge, semplicemente perché da quello che si dice il Galaxy S8 avrà un formato del display diverso.

Normalmente la risoluzione QHD 2560 x 1440 pixel si adatta perfettamente al formato video in 16:9, mentre quella 2960 x 1440 pixel deriverebbe dal formato particolare 18.5:9.

Il display del Galaxy S8 quindi sulla carta potrebbe essere leggermente più largo rispetto alla media dei display che potete vedere oggi nei più moderni dispositivi mobili.

Questo cambiamento sarebbe dovuto al fatto che i nuovi dispositivi top di gamma di Samsung, il Galaxy S8 da 5.8 pollici e l’S8 Plus da 6.2 pollici, avendo un pannello con rapporto scocca-display del 83% gioco forza occupano più spazio rispetto ai comuni display odierni.

L’elevato rapporto display-scocca del 83% permetterebbe inoltre a Samsung di mantenere dimensioni non particolarmente più grandi rispetto ai modelli passati, pur presentando dei pannelli più grandi in termini di polliciaggio.

Ovviamente per adesso non c’è ancora nulla di confermato, ma dato che si presume che il prossimi S8 saranno presentati entro la fine di marzo 2017 con un evento speciale a New York, e che la loro commercializzazione inizierà a metà aprile 2017, non dobbiamo attendere ancora molto per saperne di più.

Lascia la tua opinione