Galaxy S8 lo sblocco con l’iride non è sicuro: un video lo dimostra

Tommaso Lenci
23 Mag 2017

Un gruppo di ricercatori informatici hanno evidenziato come lo sblocco del Galaxy S8 attraverso lo scanner dell’iride sia facilmente bypassabile.

Galaxy S8 scanner iride non sicuro

Molti di voi sanno già che l’attuale smartphone top di gamma di Samsung, il Galaxy S8, utilizza una miria di tipi diversi di sblocco del telefono.

Potete utilizzare infatti il classico codice pin, potete utilizzare lo scanner per le impronte digitali, la scansione facciale di Android oppure la scansione dell’iride.

Ovviamente sono tutte modalità più o meno pratiche, dato che tutte presentano diversi livelli di facilità di utilizzo a seconda della situazione.

Molti utilizzatori di Galaxy S8 per evitare di utilizzare lo scanner per le impronte digitali, posizionato in maniera discutibile a fianco della fotocamera posteriore, utilizzano lo scanner dell’iride considerato molto più sicuro dello scanner della faccia di Android.

Galaxy S8: lo sblocco con l’iride potrebbe non essere poi così sicuro

Ebbene oggi alcuni ricercatori hanno appurato che anche lo scanner dell’iride può essere facilmente bybassato attraverso delle semplicissime operazioni, che vengono dimostrate in un video.

Per prima cosa basta scattare una fotografia a media distanza della faccia/occhio del soggetto impostando la modalità notturna nelle impostazioni della fotocamera digitale.

La fotografia scattata in modalità infrarossi va poi stampata con una stampante laser di buona qualità, che riesca a riprodurre un buon livello di dettagli in generale.

Successivamente basta poi appoggiare una comune lente a contatto sulla foto dell’iride, stampata con la stampante laser, e aspettare che la lente a contatto faccia presa sulla foto.

Quando si effettua lo sblocco del Galaxy S8 utilizzando la scansione dell’iride basta presentare davanti alla camera la foto stampata con la lente a contatto ben posizionata.

Sfortunatamente pare proprio che il software non riesca a riconoscere che si tratta solamente di una semplice foto, permettendo di fatto lo sblocco del telefono.

Si tratta comunque di un problema di sicurezza che rimane limitato in un caso limite: qualcuno vi deve fare una foto precisa al vostro occhio e deve rubarvi lo smartphone per poter procedere al suo sblocco con tale trucco.

Voi cosa ne pensate? Continuerete lo stesso ad utilizzre lo scanner dell’iride?

Lascia la tua opinione