Google Assistant arriva in lingua italiana: presto inizierà il roll out

Tommaso Lenci
25 Ott 2017

L’assistente vocale Google Assistant è ufficialmente disponibile in lingua italiana: presto inizierà il roll out per tutte le versioni android compatibili.

Google Assistant in Italiano

Ad inizio 2017 Google aveva promesso che il suo assistente vocale di ultima generazione, Google Assistant, sarebbe stato disponibile in un futuro prossimo in diverse lingue.

Google Assistant arriva in lingua Italiana: il rollo out è prossimo

Adesso anche noi italiani potremo sfruttare quest’intelligenza artificiale dato che ufficialmente il software adesso supporta la lingua italiana.

Assistant quindi può rispondere vocalmente alle principali domande e azioni compiute sul vostro smartphone Android.

Secondo quanto riportato da una fonte ufficiale, l’assistente vocale inizierà a funzionare in Italia solo a partire dal 1 novembre 2017.

L’attivazione avverrà lato server (quelli della società americana) e quindi sarà impossibile forzare la lingua italiana di Google Assistant installando un file APK.

Requisiti minimi per utilizzare Google Assistant sul vostro smartphone

Va sottolineato che per utilizzare Google Assistant sul vostro smartphone Android, dovete rispettare alcuni requisiti sia di natura hardware che software.

L’assistente vocale infatti si installerà e funzionerà solamente su smartphone con Android Marshmallow 6.0 in su, che abbiano installato l’App Google versione 6.13 o successive e che sia presente il Google Play Services attivato.

Dal punto di vista hardware sono necessari invece 1.5 GB di memoria ram e il display deve avere una risoluzione minima in HD, ovvero 1280 x 720 pixel.

Google Assistant basa le sue abilità nell’algoritmo e nell’intelligenza artificiale studiata dall’azienda americana che lavora direttamente con i nativi del luogo di origine della lingua, e quindi può comprendere anche parole in dialetto.

Per esempio la versione in italiano sembra che possa comprendere abbastanza bene parole in dialetto del Nord, Centro e Sud Italia senza troppi problemi.

Se rispettate i requisiti hardware e software, e volete provarlo, dovete aspettare ancora qualche giorno: state pronti per il 1 novembre 2017!

Lascia la tua opinione