Come Rendere più veloci i videogame sul PC

Silvia
21 Mar 2014

screen di un videogame nell'articolo sulle tecniche per migliorare la fluidità dei nostri videogiochi

In questa guida cercheremo di dare delle linee generali da seguire per migliorare le performance dei nostri videogame preferiti. Poche e semplici regole da tenere sempre a mente per cercare di rendere più duraturo il nostro hardware.

I PC, differentemente dalle console dove gli sviluppatori ottimizzano i giochi per una specifica architettura hardware, sono disponibili in forme e configurazioni completamente diverse fra loro. Alcuni di questi hanno un processore grafico integrato nella CPU principale, mentre altri hanno delle schede grafiche PCI Express più veloci e di qualità in una sede separata.

Certamente quanto consigliato non farà dei veri e propri miracoli, pertanto non vi aspettate di veder diventare fluido un gioco completamente scattoso per il quale, purtroppo, sarà necessario un upgrade dell’hardware.

Ad ogni modo è sempre possibile migliorare le prestazioni senza spendere soldi e di certo non farà male.

1. Aggiornate il vostro sistema

Per sfruttare al massimo le prestazioni dei vostri dispositivi non dovreste mai usare driver della scheda grafica superati, purtroppo questa pessima pratica è largamente diffusa e vi sorprenderebbe sapere quanti non aggiornano i driver.

Andate nel Pannello di controllo, cliccate su Hardware e suoni, quindi su Gestione dispositivi sotto Dispositivi e stampanti. Cliccate sulla piccola freccia accanto a Scheda video e trovate il nome della vostra scheda, a questo punto per conoscere la versione di Windows nel Pannello di controllo cliccate su Sistema e sicurezza, quindi su Sistema. Qui trovate la versione di Windows e se è a 32 o a 64 bit.

Ora che sapete che sistema operativo utilizzate e che scheda possedete potete scaricare i driver.

La vostra scheda sarà o una Intel o una Nvidia o una AMD, non andate sul sito del produttore della scheda, come Asus, MSI, Gigabyte o Sapphire.
Dopo avere scaricato e installato i driver, se richiesto riavviate il PC.

Allo stesso modo, verificate se ci sia un aggiornamento per il gioco che state giocando, se l’avete acquistato via Steam, dovrebbe aggiornarsi automaticamente in caso contrario controllare il sito web dello sviluppatore del gioco.

Infine, assicuratevi che anche Windows sia aggiornato.

Se non avete disabilitato la relativa funzione, gli eventuali aggiornamenti sono installati automaticamente. Se ciò non avvenisse, nel box di ricerca del menu Start digitate Windows Update.

2. Ottimizzare le impostazioni del terminale

Ora che avete aggiornato i driver qualcosa sarà migliorato, ma i maggiori incrementi in fluidità li otterrete solo lavorando sulle impostazioni grafiche del gioco.
Ottenete le prestazioni migliori eseguendo il gioco alla risoluzione nativa del monitor.
Per la maggior parte dei PC desktop più recenti è 1.920×1.080 pixel.
Su un portatile è probabile che sia 1.366×768 pixel.

Per conoscere la risoluzione del monitor, in Windows 7 o 8 cliccate con il pulsante destro del mouse scegliendo Risoluzione dello schermo.

Nelle versioni precedenti, invece, cliccate su Proprietà.
La risoluzione massima selezionabile dovrebbe dirvi la risoluzione nativa dello schermo, contrassegnata anche dalla dicitura ‘consigliata’.

Abbassando la risoluzione del gioco avrete più fotogrammi al secondo, aprite il gioco scelto ed entrate nelle sue impostazioni grafiche. Qui potrete abbassare la risoluzione e variare altri parametri. Un’impostazione che dovete tenere sotto controllo è l’anti-aliasing. Permette di ridurre le linee frastagliate, ma comporta una riduzione delle prestazioni.

3. Verificate gli fps in-game

Se il gioco permette di visualizzare istante per istante i fotogrammi al secondo (spesso dovete abilitare questa impostazione, o potete
installare un’utility di terze parti come FRAPS), potete conoscere la sua velocità di esecuzione. Il valore minimo medio accettabile è 25 fps. Sotto questa soglia il gioco vi apparirà ‘scattoso’. I fotogrammi al secondo variano secondo ciò che è riprodotto sullo schermo. Quando c’è molta azione gli fps possono scendere anche di tanto.

Dovete regolare le impostazioni in modo che il gioco sia sufficientemente  fluido anche in queste occasioni.

4. Overcloccate l’hardware

Tra le impostazioni dei driver per la GPU (avviate la relativa interfaccia cliccando sull’icona della scheda nell’area delle notifiche di Windows) dovreste trovare un’opzione per l’overclock.

Se così non fosse, dovete usare un software di terze parti.

Overcloccare il processore del computer e la RAM è più facile, e dovreste trovare le funzioni per farlo nel BIOS del PC. Per aprirlo riavviate il computer, premete subito il tasto Canc (o qualsiasi tasto vi porti al BIOS) e cercate le impostazioni delle prestazioni.

Attenzione! L’overclock può essere pericoloso se il computer ha un impianto di raffreddamento datato.

5. Ottimizzate il PC con un programma

Molti programmi eseguiti in background in Windows assorbono memoria e risorse del processore.
Potete usare un’utility per l’ottimizzazione del PC in grado di garantire che non siano in esecuzione processi inutili che potrebbero ostacolare le prestazioni del gioco.

Potete anche cancellare i file temporanei e deframmentare il disco rigido (non fatelo, però, con un SSD). Windows ha alcuni strumenti di ottimizzazione, ma potete provare Razer Game Booster (www.razerzone.com/gb-en/gamebooster) che esegue gran parte del lavoro al posto vostro. Una sua versione funziona con Windows Vista, 7 e 8, e c’è un download separato per XP.


Lascia la tua opinione