Huawei è il produttore Android più reditizio Q3 2016; P8 Lite a prezzo sottocosto

Tommaso Lenci
23 Nov 2016

Segnaliamo una nuova offerta per Huawei P8 Lite a prezzo sottocosto durante il Black Friday, intanto l’azienda cinese è il produttore Android più redditizio nel Q3 2016.

Huawei P8 Lite sottocosto

Si sta avvicinando il Black Friday, e non potevamo non segnalarvi che dopo il sottocosto Esselunga con l’Huawei P8 Lite Smart brandizzato TIM;, a partire da domani 24 novembre inizierà un altro volantino con in offerta questa volta il P8 Lite normale NO Brand a prezzo sottocosto.

Huawei P8 Lite nuova offerta a prezzo sottocosto durante il Black Friday

L’offerta non è vantaggiosa come quella del volantino Esselunga (che scade il 26 novembre) a 139 euro, ma si tratta comunque di due modelli diversi esteticamente e con qualche cambiamento a livello hardware; sta di fatto che Huawei P8 Lite sul volantino Pam dal 24 novembre fino al 3 dicembre 2016 si trova al prezzo di 159 euro.

Essendo una promozione a prezzo sottocosto il numero dei pezzi disponibili alla vendita è limitato a 1000 unita.

Non si tratta del prezzo più basso mai visto per questo smartphone con sistema operativo Android Marshmallow, dato che in passato è stato venduto anche a 149 euro.

In questi casi comunque siamo ormai al limite del prezzo minimo per questo dispositivo prima che sia effettivamente tolto dal mercato da parte dell’azienda cinese: se vi piace e non avete grosse pretese potrebbe essere per voi ancora un buon acquisto.

Va comunque sottolineato che sul mercato italiano è presente pure l’Huawei P9 Lite che garantisce prestazioni generali superiori, ad un prezzo mediamente più alto di 60-80 euro rispetto a questo sottocosto PAM.

Huawei è tra i top 3 produttori mondiali in termini di redditività netta

Va inoltre segnalato che secondo i dati sfornati dalla Strategy Analytics, Huawei durante il terzo trimestre economico del 2016 risulta essere il produttore Android con il più elevato tasso di redditività rispetto alla concorrenza.

Huawei non raggiunte ovviamente gli astronomici guadagni di Apple che da sola si accaparra oltre il 90.1% della redditività (guadagno) netta del mercato mondiale degli smartphone.

Huawei si deve accontentare di una quota del 2.4% del profitto globale, superando altri concorrenti come Vivo e Oppo che invece sono fermi al 2.2%; il restante dei produttori mondiali si deve accontentare degli spiccioli.

Secondo Strategy Analystics il successo di Huawei è dovuto ad “una catena di approvvigionamento efficiente, prodotti eleganti e un marketing efficace”

Attualmente si evince chiaramente come 3 dei 4 produttori mondiali di smartphone siano cinesi, una tendenza che potrebbe crescere in futuro con la ribalta di altri marchi di questi paesi?

Lascia la tua opinione