iPhone 6S, scoperto il modo di aumentare la memoria al costo di 70 dollari

Silvia
5 Nov 2015

iPhone_6S_Aumento_memoria

In Cina è stato scoperto il modo di aumentare la memoria dei dispositivi Apple, alcuni tecnici addetti alla rivendita e riparazione dei Pc si sono cimentati nella sostituzione della memoria NAND di iPhone 6S in taglio da 16 GB con una da 128 GB. L’operazione sembra abbastanza semplice ma deve essere eseguita da mani esperte e può costare un massimo di 80 Euro. Ovviamente il cliente si assume ogni rischio e responsabilità, infatti per rimuovere e sostituire il componente è necessario rimuovere alcuni punti di saldatura ed eseguire una speciale procedura a livello software, che consente di trasferire tutti i dati compresi di sistema operativo completo.

Questa procedura è spiegata nel dettaglio da BGR che ha riportato il comunicato di un sito Cinese, ma bisogna precisare il fatto che si tratta di un operazione sui componenti hardware di iPhone alquanto rischiosa, se qualche cosa dovesse andare storto, il cliente potrebbe ritrovarsi con il dispositivo inutilizzabile.

Secondo le testimonianze dei tecnici addetti a questo tipo di lavoro, quasi tutti i modelli Apple possono essere sottoposti al processo di espansione di capacità di memoria, ma con alcune differenze, per esempio sostituire il componente ad un iPhone 5S risulta più difficoltoso rispetto ad un recentissimo iPhone 6S e iPhone 6S Plus, ma chi avrebbe il coraggio di sottoporre il nuovo dispositivo a questo trattamento?

Per staccare i punti di saldatura che fissano la memoria agli altri componenti, è necessario utilizzare uno strumento che raggiunge una temperatura di 300 gradi Celsius e anche gli alloggiamenti vicini potrebbero risentirne. Il risparmio è consistente, non c’è dubbio, ma alla fine si potrebbe incappare in qualche errore e rendere inutilizzabile il dispositivo.

Nella foto sopra il particolare della scheda di memoria durante la sostituzione, con l’espansione di storage viene garantita ai clienti l’inserimento degli stessi codici matrice e IMEI di origine in modo tale che alcune caratteristiche dei servizi offerti da Apple, come Trova il mio iPhone, mantenga la sua piena funzionalità.


Lascia la tua opinione