Motorola Moto G5 e G5 Plus svelate le specifiche?

Tommaso Lenci
3 Dic 2016

Svelate le prime immagini render e le specifiche hardware dei prossimi Motorola Moto G5 e Moto G5 Plus? Ecco i dettagli.

Lenovo-Motorola Moto G5 e G5 Plus

Alcune immagini che riprenderebbero i nuovi Motorola Moto G5 e Moto G5 Plus sono state diffuse sul web, insieme alle loro principali caratteristiche hardware.

Le immagini sono state catturate da uno Screenshot che riprende come potete vedere voi stessi il frontale dei due presunti nuovi smartphone di fascia media di Lenovo-Motorola.

Lenovo-Motorola Moto G5 e Moto G5 Plus: primi dettagli hardware

Se il design dei due dispositivi è completamente identico, dal punto di vista prettamente hardware i due terminali avranno alcune differenze, tutte a vantaggio del Moto G5 Plus.

Entrambi i dispositivi avranno, almeno sulla carta, un display da 5.5 pollici di diagonale con risoluzione Full HD 1920 x 1080 pixel e un processore a 64bit con architettura Octa-Core (anche se non viene specificato il chipset e la frequenza di funzionamento).

A livello di memoria interna solamente la versione Moto G5 Plus avrà una variante con 32GB di ROM, mentre il Moto 5G avrà solo una versione con 16GB di ROM.

Cambiamenti si hanno pure nel comparto multimediale, dato che G5 Plus ha una fotocamera posteriore da 16 megapixel, mentre G5 normale un sensore da 13 megapixel; la fotocamera anteriore per entrambi è da 5 megapixel.

Altra differenza che contraddistinguerebbe i due modelli è la presenza dello scanner per le impronte digitali solamente sul modello Plus.

Entrambi i dispositivi avranno una batteria che garantirà almeno 24 ore di utilizzo medio-normale da parte dell’utente (vi farà arrivare a fine giornata in poche parole) e supporterà la ricarica rapida, grazie alla tecnologia proprietaria di Lenovo-Motorola Turbo Charging.

Sistema operativo e data annuncio?

Sia Moto G5 Plus che G5 normali dovrebbero arrivare sul mercato con installato Android Nougat 7.0 e dovrebbero fare il loro debutto nel mese di marzo del prossimo anno, in Cina e in India.

Ovviamente tutte queste informazioni sono solo voci di corridoio e non informazioni certificate e ufficializzate: per questo vanno prese con il dovuto distacco intellettuale.

Lascia la tua opinione