Operatori telefonici: stop definitivo alla fatturazione a 28 giorni; il decreto è legge

Tommaso Lenci
1 Dic 2017

Dopo l’approvazione dell’emendamento al senato, oggi alla camera il decreto è diventato effettivamente legge: addio alla fatturazione ogni 28 giorni per gli operatori telefonici.

Fatturazione 28 giorni: operatori telefonici solo mensilità

Circa un paio di settimane va vi avevamo segnalato che in parlamento (Senato) era stato approvato in sede di materia fiscale l’emendamento per lo stop della fatturazione a 28 giorni per determinati servizi.

Oggi, i tempi in parlamento non sono particolarmente rapidi, dopo il Senato anche la Camera dei deputati ha approvato l’emendamento in questione trasformando di fatto il tutto il legge vigente.

Fatturazione ogni 28 giorni al bando per gli operatori telefonici: il decreto è legge

La fatturazione ogni 4 settimane o 28 giorni è stata criticata da molti dato che introduce un aggravio di costi per il consumatore finale, senza ricevere in cambio nessun beneficio pratico.

Infatti questo tipo di fatturazione incrementa i rinnovi da 12 (fatturazione mensile classica) a 13 rinnovi ogni anni, causando un aggravio economico per il consumatore pari al 8,6% rispetto alla precedente fatturazione mensile.

La nuova legge colpisce direttamente gli operatori telefonici come TIM, Wind, Vodafone, Fastweb che l’hanno adottata piuttosto celermente in passato.

Oltre agli operatori telefonici la legge colpisce pure le aziende di comunicazione elettronica e le Pay TV che saranno costrette a fatturare ogni 30 giorni minimo.

Sono escluse dalla legge, quindi possono fatturare anche ogni 28 giorni, tutte quelle aziende che vincolano i costi della bolletta solo al reale consumo.

Per questo le bollette di luce e gas non rientrano in questa nuova legge, oltre a tutte quelle prestazioni commerciali che di natura hanno una scadenza tipicamente inferiore alla mensilità.

Operatori telefonici dopo l’approvazione della legge: cosa devono fare e cosa rischiano?

Gli operatori telefonici, noi siamo particolarmente interessati a quest’ultimi, avranno 120 giorni di tempo a partire da oggi per cambiare il sistema di fatturazione a 28 giorni e tornare al sistema mensile.

Se quest’ultimi non eseguiranno quanto scritto nel decreto legge subiranno delle sanzioni che vanno da un minimo di 240.000 euro ad un massimo di 5 milioni di euro.

Inoltre saranno costretti a rimborsare una tantum di 50 euro tutti i clienti ancora fatturati a 28 giorni, e pagare un ulteriore indennizzo di un euro giornaliero finché la fatturazione non tornerà mensile.

Dato che ormai la fatturazione ogni 4 settimane in Italia sembra essere un capitolo chiuso, speriamo solamente che gli operatori telefonici non decidano di spostare l’aggravio ancora sui consumatori aumentando i canoni mensili.

Lascia la tua opinione