Samsung Galaxy Note 7 Fan Edition vs Note 7 originale: le differenze

Tommaso Lenci
3 Lug 2017

Dopo l’annuncio ufficiale del Galaxy Note 7 Fan Edition, ecco le differenze apportate da Samsung rispetto al Note 7 originale dismesso dal mercato.

Galaxy Note 7 Fan Edition

Annunciato giusto ieri in Corea del Sud il Galaxy Note 7 Fan Edition presenta alcune differenze che Samsung ha implementato per differenziarlo un po’ dal Note 7 Originale.

Samsung Galaxy Note 7 Fan Edition vs Note 7: le differenze hardware

Per prima cosa per evitare che vi siano problemi sulla sicurezza del dispositivo, il Note 7 Fan Edition utilizza una batteria più piccola da 3200 mAh, ovvero meno potente del 8.5% rispetto a quella esplosiva (sfortunatamente) da 3500 mAh del modello originale.

La batteria in questione è stata prodotta e controllata secondo i nuovi 8 punti sulla qualità imposti da Samsung, che ne aumentano la sicurezza nell’utilizzo normale del dispositivo.

Se la batteria è diventata più piccola, sulla carta l’autonomia non dovrebbe variare di molto rispetto al modello originale perché Samsung nel Galaxy Note 7 Fan Edition ha cambiato chipset: adesso infatti utilizza lo Snapdragon 821.

Lo Snapdragon 821 è una versione migliorata dello Snapdragon 820: a suo vantaggio ha consumi energetici più bassi, quindi la batteria da 3200 mAh dovrebbe garantire un autonomia simile al Note 7 con batteria da 3500 mAh e chipset Snapdragon 820.

Per differenziare esteticamente, anche se sembra una sciocchezza, l’azienda coreana ha deciso di inserire il nome del prodotto sulla scocca posteriore: si può leggere molto chiaramente Note 7 Fan Edition.

Il resto del comparto hardware è praticamente identico al Note 7 originale: vengono infatti installati 4GB di memoria ram, 64GB di memoria interna espandibile, è certificato IP68, c’è lo scanner per le impronte digitali, lo scanner dell’iride, c’è sempre il display da 5.7 pollici Super Amoled con risoluzione QHD 2560 x 1440 pixel e la pennina capacitiva S-Pen.

Le differenze software

Se dal punto di vista hardware e del design questi sono sostanzialmente le differenze rispetto al prodotto originale, cambiamenti si possono notare pure nell’interfaccia software.

Samsung ha infatti deciso di aggiornare il sistema operativo ad Android Nougat 7.0 utilizzando la stessa interfaccia che ha debuttato con il Galaxy S8 e S8+: non ci sono differenze enormi rispetto al Note 7 originale ma sicuramente questa cosa va menzionata.

Infine ultima differenza, sempre dal punto di vista software, è l’aggiunta dell’assistente vocale Bixby che in questo modo non è più un esclusiva dei Galaxy S8 e S8+, che fino a ieri erano gli unici ad averlo preinstallato nel sistema operativo.

Molto probabilmente il Galaxy Note 7 Fan Edition sarà commercializzato in pochi e selezionati mercati: il primo mercato è la Corea del Sud nel quale saranno disponibili circa 400.000 esemplari nelle colorazioni Black Onyx, Blue Coral, Gold Platinum e Silver Titanium, ad un prezzo di circa 610 dollari americani.

Lascia la tua opinione