Allo su Android, si ricevono messaggi senza averlo installato

Silvia
21 Set 2016

L’applicazione di messaggistica Allo è stata rilasciata per Android e iOS questa mattina e già piovono segnalazioni. Non sappiamo se si tratta realmente di un bug ma piuttosto di un escamotage pubblicitario, ma sta di fatto che in queste ultime ore gli utenti Android, che non hanno ancora installato l’applicazione, stanno ricevendo messaggi provenienti dai contatti memorizzati in rubrica che utilizzano Allo.

Allo

Mentre gli utenti Android parlano di bug, bisogna tenere in considerazione il fatto che Google potrebbe aver consentito questa opzione appositamente per diffondere la nuova applicazione Allo che, ad una prima occhiata, offre davvero un’esperienza diversa rispetto alle applicazioni di messaggistica che siamo abituati ad utilizzare.

Primi bug per Allo?

Il trucco utilizzato da Google in queste ultime ore, consiste nello sfruttare la presenza del Google Play sul dispositivo, la notifica ricevuta consente di rispondere attraverso del testo e non con le opzioni avanzate, come adesivi, foto e file multimediali, offerti da Allo.

L’utente dopo aver risposto, ha di sicuro un’incentivo in più per scaricare l’applicazione, sopratutto osservando che amici e parenti già la utilizzano, diversamente è possibile chiudere ed ignorare la notifica e proseguire senza l’obbligo dell’installazione.

Sfruttando l’archivio dei contatti, Allo potrebbe diffondersi a macchia d’olio in breve tempo e il download dell’applicazione potrebbe raggiungere record mai visti in pochissimi giorni. Ben diversa è la situazione per gli utenti iOS, che per il momento non lamentano nessun malfunzionamento e nessuna pubblicità, a detta di alcuni, troppo invasiva.

Effettivamente Google, in qualità di titolare della piattaforma, ha un vantaggio unico sopra le altre applicazioni di chat, nel senso che può permettersi di raggiungere con Allo chiunque sta utilizzando l’ultima versione del Play Services. Una pratica discutibile, ma che è certamente un potente strumento per “consigliare” le installazioni di una nuova applicazione.

Fonte

Lascia la tua opinione