Apple acquisisce Turi e il progetto sull’apprendimento automatico

Silvia
9 Ago 2016

Turi Apple

Diverse fonti a conoscenza della trattativa, afferma che Apple ha acquistato Turi, un azienda di Seattle che da anni lavora su nuove tecnologie di apprendimento automatico e intelligenza artificiale.

“Apple compra aziende tecnologiche più piccole di tanto in tanto, e generalmente non discute lo scopo o i piani”

Ha confermato un portavoce Apple addetto alle comunicazioni stampa, in un commento rilasciato in via ufficiale a GeekWire, ma non è difficile intuire a quale risvolti punta l’azienda.

Turi, l’azienda in precedenza nota come Dato e GraphLab , ha da poco tenuto uno speciale “Science Data” dove la sua posizione si è confermata come leadership di settore. Gli ultimi sviluppi presentati alla conferenza descrivono una macchina in grado di “auto apprendere” un componente hardware che introduce l’intelligenza artificiale.

Apple e Turi, i progetti futuri:

Secondo le indiscrezione Turi è stata acquisita da Apple per ben 200 milioni di dollari, l’azienda non cambierà la sua sede di Seattle anzi, Apple è determinata a far crescere i suo nome nella regione dove ha investito in altri avamposti d’ingegneria negli ultimi due anni.

Nel 2014 infatti l’azienda ha acquistato il gigante tecnologico Union Bay Networks, una fusione che ha portato Apple all’apertura di nuovi uffici di ingenerai a Seattle e all’assunzione di nuovo personale proveniente dalla città.

Con il nuovo acquisto, concluso ieri, l’azienda si avvale di nuovi sviluppatori addetti alla creazione di applicazioni con funzionalità di apprendimento automatico e di intelligenza artificiale. Gli ultimi prodotti da Turi e il suo Team di sviluppo vantano i progetti Learning PlatformGraphLab Creare  e predicative service creati per aiutare l’organizzazioni di grandi e piccoli volumi di dati. Alcuni casi d’uso includono motori di ricerca, il rilevamento delle frodi e la previsione dell’abbandono dei clienti. Quest’ultimo consiste in un incredibile sistema in grado di rilevare i sentimenti della clientela e di capire se si trovano in solitudine.

Stando a questi ultimi dati, il prossimo obiettivo di Apple potrebbe essere quello di introdurre l’auto apprendimento nel suo assistente virtuale Siri che, grazie a questa nuova tecnologia, potrà essere in grado di calibrare il tono della voce dell’utente e di conseguenza prendere iniziative e agire secondo una propria logica.

Fonte Notizia

Lascia la tua opinione