Fibra FTTH con Open Fiber: ecco i nuovi 80 comuni coinvolti nel progetto

Tommaso Lenci
21 Nov 2017

La diffusione della Fibra ottica con tecnologia FTTH fino ad 1 Giga si amplierà in altri 80 comuni grazie al progetto di espansione della società Open Fiber: ecco le novità.

Open Fiber fibra FTTH nuovi 80 comuni

Come molti di voi sapete già la corsa alla banda Ultra Larga in Italia ha avuto un passo decisamente più spedito a partire dal 2014 quando è intervenuto direttamente il Governo e sono stati utilizzati fondi dell’Unione Europea per modernizzare il paese.

Ad oggi il principale fornitore di questo servizio, sia con tecnologia FTTC che FTTH, rimane TIM che copre la maggior-parte delle più importanti città del nostro paese.

Oltre a Fastweb, che però cabla direttamente solo alcune grosse città, nel panorama della fibra in Italia si sta facendo sotto Open Fiber, società controllata da Enel e Cassa Depositi e Prestiti.

I nuovi 80 comuni che saranno cablati con Fibra FTTH da Open Fiber entro il 2021

Open Fiber ha già partner importanti come Wind, Vodafone e Tiscali al momento garantisce la fibra FTTH con velocità fino ad 1 Giga nelle seguenti città italiane: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Genova, Milano, Napoli, Padova, Palermo, Perugia, Torino, Venezia e, a breve Firenze.

Ebbene è arrivata la comunicazione che oggi la società italiana con sede ufficiale a Roma ha ufficialmente iniziato i preparativi per portare la fibra FTTH in ulteriori 80 comuni italiani per raggiungere l’obbiettivo finale di cablare 270 città nei prossimi 6 anni.

Questi sono, in ordine alfabetico, i nuovi 80 comuni che riceveranno la cablatura in fibra FTTH entro la fine del 2021 facenti parte di queste città: Alessandria, Ancona, Arezzo, Beinasco, Bergamo, Bollate, Brescia, Bresso, Brindisi, Busto Arsizio, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Cesano Boscone, Cesena, Cinisello Balsamo, Collegno, Cologno Monzese, Como, Cormano, Cornaredo, Corsico, Cusago, Ferrara, Firenze, Foggia, Forlì, Garbagnate Milanese, Grosseto, Grugliasco, Imola, La Spezia, Latina, Lecce, Livorno, Lucca, Matera, Messina, Modena, Moncalieri, Monza, Nichelino, Novara, Novate Milanese, Opera, Orbassano, Parma, Pavia, Pero, Pescara, Peschiera Borromeo, Piacenza, Pioltello, Pisa, Prato, Ravenna, Reggio di Calabria, Reggio nell’Emilia, Rho, Rimini, Rivoli, Rozzano, Salerno, San Donato Milanese, San Giuliano Milanese, San Lazzaro di Savena, Sassari, Segrate, Sesto San Giovanni, Settimo Milanese, Settimo Torinese, Siracusa, Taranto, Terni, Treviso, Trezzano sul Naviglio, Udine, Varese, Venaria Reale, Verona, Vimodrone.

Al momento Open Fiber può soddisfare le esigenze di cablatura in 2 milioni di abitazioni, ma come già detto si punta a raggiungere almeno i 9.5 milioni di abitazioni entro la fine del 2021, grazie ad un importante investimento di quasi 6 miliardi di euro.

Questo significa che in Italia entro il 2021 in diversi comuni ci sarà la possibilità di scegliere se affidarsi direttamente alla fibra  FTTH fino ad 1Giga proposta da TIM o quella di altri operatori telefonici come Wind, Vodafone, Tiscali che invece utilizzeranno le linee Open Fiber.

Per i comuni non coperti da Open Fiber gli altri operatori telefonici utilizzeranno ancora le linee fisiche di TIM, ma non aspettatevi la connettività FTTH ma solo quella FTTC.

Fonte:Sito Ufficiale

Lascia la tua opinione