Galaxy Note 7: scansione iride in un video e i problemi della tecnologia

Tommaso Lenci
22 Lug 2016

Un video mostra un demo su come il Samsung Galaxy Note 7 esegue la funzione scansione dell’iride per sbloccarsi; ci sono comunque problemi nella tecnologia attuale.

Galaxy Note 7 iris scanner

A poco meno di due settimane dall’annuncio ufficiale del Samsung Galaxy Note 7, che dovrebbe avvenire in data 2 agosto 2016, sul web è stato mostrato un video che lo riprende dal vivo con la tecnologia della scansione dell’iride.

Il Galaxy Note 7 implementerà infatti uno scanner per l’iride che permetterà agli utenti di sboccare il dispositivo semplicemente guardando frontalmente lo smartphone.

Tale tecnologia, già utilizzata in passato sul Lumia 950 e 950 XL con sistema operativo Microsoft Windows 10, è una delle principali nuove caratteristiche del prossimo phablet top di gamma dell’azienda coreana.

Un video diffuso sul web mostra come funziona lo scanner dell’iride sul Galaxy Note 7, un Note 7 però senza display dual Edge ma bensì flat (quindi esistono come supportato da recenti rumors due versioni).

Il riconoscimento dell’iride avviene in tempi decisamente veloci: basta far partire l’applicazione, uno sguardo di pochi millisecondi e il telefonino viene sbloccato senza nessun problema.

Galaxy Note 7 e la tecnologia scanner iride: ancora poco matura?

La tecnologia dello scanner dell’iride su Galaxy Note 7 comunque non è ancora perfetta, dato che ci sono alcune piccole limitazioni che potrebbero compromettere l’efficienza di questa funzione.

Samsung ha infatti esplicitamente avvertito i consumatori, che lo scanner dell’iride deve avvenire ad una distanza di almeno 20 cm dal dispositivo, anche se in realtà la distanza ottimale sarebbe dai 25 ai 30 cm.

Si sconsiglia l’utilizzo della scansione a distanza minori dato che alla lunga potrebbero causare problemi nocivi all’occhio, e se ne sconsiglia vivamente l’utilizzo anche da parte di bambini.

La nota sottolinea che se avete bambini in casa e volete acquistare il Galaxy Note 7 di disattivare la funzione della scansione dell’iride per lo sblocco del dispositivo, dato che i bambini possono stare davanti al display per giocare e scansionare l’occhio ripetitivamente a distanze non di sicurezza.

Oltre a problemi di salute possono esserci anche problemi di efficienza della tecnologia: gli utenti che indossano occhiali o lenti a contatto potrebbero avere problemi nel far riconoscere allo scanner dell’iride la propria identità.

Per avere la migliore efficienza di sblocco con lo scanner per l’iride sul Galaxy Note 7, Samsung consiglia vivamente l’abbandono temporaneo (occhiali) o il non utilizzo (lenti a contatto) per avere le migliori esperienze d’uso.

Quest’ultima sembra essere una forte limitazione della tecnologia; bisognerà aspettare il responso sul campo per sapere se effettivamente la scansione dell’iride risulterà veramente utile e efficiente sul Note 7.

Lascia la tua opinione