Galaxy Note 9 con chipset Exynos (Italia) arriva su GeekBench: il Benchmark

Tommaso Lenci
26 Mag 2018

Nel database del famoso Benchmark GeeKBench spunta il Samsung Galaxy Note 9 (SM-N960M) con il chipset Exynos 9810, confermando le prestazioni elevate.

Galaxy Note 9 chipset Exynos benchmark

Il prossimo smartphone top di gamma di Samsung, il Galaxy Note 9, non è certo nuovo nel database del Benchmark GeekBench: in passato infatti il dispositivo è stato individuato ad utilizzare quest’applicazione di test ma nella versione con chipset Snapdragon 845.

Il chipset Snapdragon 845 viene destinato da Samsung ai dispositivi venduti in Cina e nel Nord America: da noi arriverà invece la versione con chipset Exynos 9810.

Galaxy Note 9 con chipset Exynos 9810 si mostra su GeekBench: il risultato del test

Proprio oggi GeekBench ha aggiornato il proprio database inserendo il modello SM-N960M che non è altro che il Note 9 con il chipset fatto in casa da Samsung.

Il Benchmark ha confermato nuovamente che il prossimo Galaxy Note 9 monterà anche 6GB di memoria ram, e sarà lanciato sul mercato con il sistema operativo Android Oreo 8.1 personalizzato da Samsung con la propria interfaccia Experience.

Il Galaxy Note 9 con chipset Exynos 9810 si dimostra nuovamente un chipset più performante, almeno sui Benchmark, rispetto allo Snapdragon 845.

Il modello SM-N960M infatti ha ottenuto un punteggio in modalità single-core di 2737 e un punteggio in modalità multi-core da 9064, punteggi superiori allo Snapdragon 845 che si è fermato rispettivamente a 2190 e 8086 punti nel test effettuato un altro Note 9.

Ovviamente si tratta solo di punteggi sintetici, e l’utente finale molto difficilmente potrà notare sostanziali differenze prestazionali tra la versione con chipset Exynos e quella con chipset Snapdragon.

Vi ricordo che precedenti rumors indicano che il Galaxy Note 9 inoltre avrà molto probabilmente un nuovo display da 6.4 pollici di diagonale con tecnologia Infinty in formato 18,5:9, una batteria decisamente più grande e supporterà nativamente la versione 2.0 dell’assistente vocale Bixby.

Ancora in dubbio, ma rimane più un no che un si, la presenza o meno dello scanner per le impronte digitali sotto il display.

Altre voci di corridoio affermano che il prossimo top di gamma di Samsung potrebbe arrivare prima rispetto ai passati modelli della gamma Galaxy Note: si parla infatti di un annuncio già alla fine di agosto di quest’anno per combattere meglio al concorrenza dei futuri iPhone di Apple.

Lascia la tua opinione