Galaxy S20 conferme display a 120hz ma con dei limiti

Tommaso Lenci
14 Gen 2020

La gamma Galaxy S20 avrà un display Super Amoled con refresh rate a 120hz: attenzione però quest’impostazione avrà dei limiti sulla risoluzione.

Galaxy S20 Display a 120Hz ma con dei limiti

In data 11 febbraio 2020 saranno presentati tutti i nuovi smartphone top di gamma di Samsung per questo inizio 2020: la Gamma Galaxy S20 e il secondo smartphone pieghevole sono in arrivo.

Gamma Galaxy S20: i display avranno un refresh rate massimo a 120Hz ma con dei limiti sulla risoluzione

Già da passati rumors vi avevamo informato che i nuovi Galaxy S20 (saranno tre smartphone) implementeranno un display Amoled che avrà un refresh rate massimo a 120Hz.

Oggi però il noto informatore (e altrettanto attendibile) Ice Universe, tramite il proprio account Twitter ha svelato un limite dei prossimi display destinati ai modelli S20.

Pare che i modelli più costosi della gamma S20, quindi il Galaxy S20 Plus e S20 Ultra avranno un display Amoled con risoluzione massima WQHD+.

C’è però da dire che entrambi questi modelli non potranno sfruttare la risoluzione QHD+ insieme al refresh rate massimo di 120Hz.

Infatti secondo l’informatore il refresh rate a 120Hz può essere impostato unicamente quando la risoluzione massima è in FHD+.

Ice Universe afferma che l’utente potrà impostare il display in FHD+ a 60Hz, FHD+ a 120Hz e infine WQHD+ a 60Hz.

Questo significa in soldoni che i Galaxy S20 più costosi non potranno sfruttare contemporaneamente la risoluzione e il refresh rate migliore.

La scelta di Samsung sulla carta dipenderebbe tutto nell’evitare di aumentare sensibilmente il consumo energetico del display con tale risoluzione e refresh rate, e quindi minare l’autonomia generale del dispositivo.

Ma le novità non finiscono qua: altri rumors affermano che tutta la gamma S20 utilizzerà nativamente ben 12GB di ram con tecnologia LPDDR5.

Quindi entrambi i nuovi chipset Snapdragon 865 e Exynos 9830 potranno sfruttare queste nuove, e decisamente più veloci, memorie ram.

Fonte: Via Twitter

Lascia la tua opinione