Galaxy S7 Active: specifiche e disponibilità

Tommaso Lenci
23 Mag 2016

Svelate le caratteristiche principali del nuovo Samsung Galaxy S7 Active, la versione super resistente del top di gamma dell’azienda coreana.

Galaxy S7 Active

Che Samsung stesse lavorando ad una versione “rinforzata” del suo attuale top di gamma Galaxy S7 lo si sapeva da qualche mese, ma adesso abbiamo la certezza dato che sul web sono comparse tutte le principali caratteristiche della versione Active.

Samsung Galaxy S7 Active: le principali caratteristiche hardware

Samsung Galaxy S7 Active manterrà praticamente tutte le principale caratteristiche hardware del dispositivo originale ma in più avrà una scocca super rinforzata perfetta per uso “estremo”: caldo, freddo, fango, sporcizia non saranno più un problema per questo modello, adatto per chi vive in ambienti non proprio urbani e fa dell’avventura il suo hobby o lavoro principale.

Sta di fatto che tanta protezione mina il design classico del modello S7: scordatevi infatti uno spessore limitato (si arriva a 9,9 mm) e il peso sale a 185 grammi, decisamente più alto dell’originale.

Per il resto il comparto hardware rimane ancora da vero top di gamma, con display Super Amoled da 5,1 pollici di diagonale e risoluzione QHD 2560 x 1440 pixel, chipset Snapadragon 820 (non sappiamo se uscirà pure una variante Exynos 8890), 4GB di memoria ram, 32GB di memoria interna espandibile, la fotocamera posteriore da 12 megapixel con tecnologia Britecell, fotocamera anteriore da 5 megapixel per selfie.

Avendo uno spessore più elevato a causa della maggiore resistenza della scocca, Samsung ha potuto inserire sul Galaxy S7 Active anche una batteria più potente rispetto al modello originale: passiamo infatti dai 3000 mAh di S7 a ben 4000 mAh per S7 Active.

Ovviamente come sistema operativo il dispositivo utilizzerà nativamente Android Marshmallow nell’ultima versione disponibile con interfaccia personalizzata TouchWiz.

Secondo quanto riportato dall’informatore il nuovo modello Active sarà in vendita negli Stati Uniti con l’operatore telefonico AT&T a partire dal 9-10 giugno 2016 con rispettivo contratto telefonico biennale o triennale.

Non ci sono ancora indicazioni sul fatto se il dispositivo arriverà anche in Europa, e quindi pure in Italia: le speranze non sono molte, ma mai dire mai!

1 Commento

  1. Stefano

    Peccato che non arriverà in Italia

Lascia la tua opinione