Galaxy S8 e S8+ le foto delle batterie; in arrivo un programma di rimborso?

Tommaso Lenci
22 Mar 2017

Mostrate in un immagine dal vivo le batterie che saranno utilizzate sul Galaxy S8 e la sua variante S8+; voci indicano di un possibile piano di rimborso come scelta di marketing.

Galaxy S8 batterie immagini dal vivo

Dopo il caso delle batterie difettose sul Galaxy Note 7, molti utenti vorranno avere certezze sulla sicurezza del prossimo Galaxy S8 e della sua variante S8+ con display più grande.

Oggi sul web sono state diffuse alcune immagini dal vivo che riprendono le batterie che ufficialmente alimenteranno i nuovi top di gamma di Samsung.

Galaxy S8 e S8+ ecco le batterie ufficiali

La prima batteria mostrata ha seriale EB-BG955ABA con potenza da 3500 mAh e sarà montata sul Galaxy S8+ SM-G955 da 6.2 pollici di diagonale, mentre l’altra batteria con seriale EB-BG950ABA da 3000 mAh sarà utilizzata dal Galaxy S8 SM-G950 con display da 5.8 pollici.

Sappiamo dalle immagini che le celle delle batterie sono costruite in Corea del Sud e vengono assemblate in un importante fabbrica di Samsung localizzata in Vietnam.

Sono le tipiche batterie fornite a tutti i prodotti destinati al mercato americano, dato che i modelli G950 e G955 indicano le sigle per gli Stati Uniti e Canada.

Forse alcuni di voi si staranno chiedendo se le batterie avranno una potenza sufficiente per garantire un autonomia generale buona, per due prodotti che utilizzano display molto grandi con risoluzione 2960 x 1440 pixel.

Molto probabilmente Samsung ha apportato miglioramenti in termini di consumo energetico sui display Amoled, e i nuovi chipset che saranno montati sui Galaxy S8 e S8+ verranno prodotti con processo produttivo a 10nm, che abbassa sensibilmente il calore quando lavorano e quindi anche il consumo della batteria.

Nuova politica di marketing: rimborso incondizionato per il cliente?

Sembra inoltre che Samsung per garantire la bontà del proprio prodotto, sempre per i problemi di immagine dovuti ai Galaxy Note 7, potrebbe proporre ai propri clienti una politica di rimborso incondizionato nei primi 3 mesi di utilizzo del dispositivo.

Il motivo della scelta, oltre al garantire al consumatore che il prodotto che sta utilizzando è solido e sicuro, starebbe nel fatto che l’assistente vocale Bixby non sarà disponibile per tutte le lingue al momento della commercializzazione dei due nuovi smartphone.

L’aggiornamento di Bixby per il supporto a molti più paesi infatti avverrà nella seconda metà del 2017, e quindi alcuni consumatori potrebbero sentirsi delusi da questa scelta.

Sta di fatto comunque che non si sa quanto sia reale e possibile questa scelta di marketing da parte di Samsung: quindi prendetela con il giusto distacco intellettuale

Inoltre se quest’ultima scelta si rivelerà vera, non si sa se verrà applicata a livello internazionale o solamente in certi paesi selezionati come ad esempio la Corea del Sud, che spesso gode di iniziative particolari.

Fonte: Notizia

Lascia la tua opinione