Gamma Huawei P40 ecco l’aggiornamento con l’assistente vocale Celia: ma non in Italia

Tommaso Lenci
19 Mag 2020

Disponibile al download con un nuovo aggiornamento l’assistente vocale Celia su tutti gli smartphone della gamma Huawei P40: peccato che non sia disponibile in Italia.

Huawei P40 assistente vocale Celia

Oggi Huawei ha iniziato a rilasciare per tutti gli smartphone della gamma P40 il nuovo assistente vocale chiamato Celia.

Celia è di fatto l’alternativa dell’azienda cinese all’assistente vocale Google Assistant, dato che tutti gli Huawei P40 pur avendo Android 10 non hanno i servizi Google installati.

Ecco l’assistente vocale Celia sugli Huawei P40: tre lingue attualmente supportate ma non c’è l’italiano

L’assistente vocale Celia si sta diffondendo sugli Huawei P40 attraverso la nuova build/seriale EMUI 10.1.0.121 basata su Android 10.

Questa nuova build EMUI 10.1.0.121 si può scaricare tramite la classica modalità OTA (over the air) e ha un peso di circa 1.14GB.

Oltre al nuovo assistente vocale, l’aggiornamento installa pure le patch di sicurezza che sono state rilasciate da Google nel mese di aprile 2020.

Sfortunatamente tutti gli utenti italiani che hanno deciso di acquistare uno smartphone della gamma Huawei P40 non potranno usufruire dell’assistente vocale Celia in Italiano.

Infatti il software al momento comprende solo la lingua inglese, quella francese e quella spagnola.

Al momento di fatto solo gli utenti residenti in Francia, Gran Bretagna e Spagna, Cile, Messico e Colombia hanno iniziato a ricevere la notifica di aggiornamento della versione EMUI 10.1.0.121.

Celia come detto funziona più o meno come l’assistente Google: controllare il tempo, impostare allarmi e aiutare l’utente ad utilizzare la fotocamera del telefono per tradurre testo, cercare immagini e prodotti simili a Google Lens.

Per utilizzare l’assistente vocale di Huawei, gli utenti devono semplicemente usare la parola chiave “Hey Celia” o usando un tasto dedicato.

Sicuramente Huawei rilascerà in futuro successive versioni di Celia, e pensiamo anche quella comprensiva della lingua italiana.

Fonte: Notizia ufficiale

Lascia la tua opinione