Google: Dal 1 Luglio cambia l’indicizzazione dei siti web

Silvia
29 Mag 2019

Con l’arrivo dei dispositivi mobili Google ha esortato i webmaster e i gestori di siti web a realizzare una versione ottimizzata dei loro portali che sia in grado di supportare il formato dei display di smartphone e tablet.

Google indicizzazione versioni mobile

Dal 1 Luglio cambierà la modalità di indicizzazione dei siti web, verrà prima eseguita una scansione della versione mobile-friendly e se soddisferà i requisiti, verrà correttamente indicizzata anche la versione desktop.

Google: Penalizzazioni per i siti che non hanno una versione ottimizzata per smartphone e tablet

In questo modo Google vuole forzare i siti ad aggiornarsi con temi responsive in grado di adattarsi automaticamente agli schermi in base al dispositivo con cui si accede ad una pagina.

Se il sito non supporta il cellulare, si avranno problemi nell’indicizzazione del tuo URL” Questo quanto affermato nel comunicato rilasciato da Google che avvisa gli utenti sul cambiamento dell’indicizzazione.

Per i portali più anziani e non solo, che non vogliono abbandonare il classico tema, in alternativa esistono molteplici plugin aggiuntivi per le piattaforme che li gestiscono (WordPress e simili) che direzionano automaticamente l’utente verso una versione ottimizzata del sito utilizzando una serie di template ed adattando immagini e contenuti al volo.

Google e la nuova indicizzazione, che cosa cambia per gli utenti?

Finora Google ha parlato di come i webmaster devono aggiornare i siti per essere certi di essere visibili nel motore di ricerca, ma che cosa cambia per gli utenti?

Gli utenti potranno trarre numerosi vantaggi da questo cambiamento di Google, prima di tutto per quanto riguarda il tempo di caricamento delle pagine e degli articoli ricercati in rete.

Dal 1 Luglio quando si eseguirà una ricerca attraverso Google da uno smartphone, il motore presenterà come risultati i link dei siti già nella versione mobile consentendo all’utente un’accesso molto più rapido al contenuto che vuole leggere.

La versione mobile di un sito, oltre a permettere una visualizzazione immediata del contenuto desiderato, favorisce anche un risparmio di dati grazie all’eliminazione di componenti obsoleti, pur mantenendo la struttura essenziale, come immagini e testo.

Google introduce la necessità di utilizzare una versione mobile dei siti per essere indicizzati all’interno del motore di ricerca come una procedura standard, questa scelta è dovuta al fatto che le abitudini degli utenti stanno cambiando e che il web deve adattarsi alle loro esigenze, basta pensare che oggi il 70% del traffico web arriva direttamente da smartphone.

Via

Lascia la tua opinione