Google Home e Home Mini adesso supportano il sync con altri altoparlanti Bluetooth

Tommaso Lenci
28 Mar 2018

Adesso i Google Home, Home Mini e Max supportano la sincronizzazione con altri altoparlanti Blueooth venduti da produttori terzi: i dettagli.

Google Home e Home mini supportano altoparlanti bluetooth

Ufficialmente da ieri, 27 marzo 2018, in Italia è iniziata la commercializzazione degli assistenti vocali per la casa Google Home e Home Mini, rispettivamente al prezzo di 149 euro e 59 euro.

Gli assistenti adesso parlano correttamente in italiano e svolgono tutte le funzionalità tipiche di quest’accessorio per la casa: organizzano il calendario della vostra giornata, vi fanno sapere quali sono i vostri appuntamenti, riproducono la musica, accendono e spengono la luce se avete lampadine smart e così via.

Google Home e Home Mini adesso si sincronizzano che altri altoparlanti Blueooth: i dettagli

Ebbene oggi Google ha ufficializzato che tutti i suoi assistenti per la casa, quindi Google Home, Home Mini e Home MAX (quest’ultimo non è disponibile in Italia) oltre a sincronizzarsi tra di loro, potranno sincronizzarsi con altri altoparlanti bluetooth prodotti da produttori terzi.

Ad esempio se avete acquistato un Home Mini, che non ha una potenza audio particolarmente elevata perché è appunto la versione mini, potete associare questo assistente ad un altro altoparlante Bluetooth dalle caratteristiche audio più potenti e ottimizzare la riproduzione di musica, o ricevere le risposte direttamente da quest’ultimo.

Google afferma inoltre che l’utente può aggiungere gli altoparlanti collegandoli ai gruppi di Google Home per ottenere l’audio multi-room: se mettete l’altoparlante in un gruppo significa che l’audio verrà riprodotto dal dispositivo Home e anche dall’altoparlante Bluetooth del produttore terzo.

Per poter sincronizzare un altoparlante Bluetooth con un Google Home o Home Mini basterà entrare nel menù impostazioni dell’assistente casalingo e selezionare l’altoparlante Bluetooth di terzi come altoparlante predefinito, o selezionare la funzione “raggruppamento” per riprodurre l’audio su tutti gli altoparlanti (di terzi e Home).

Vi ricordo che gli altoparlanti Bluetooth saranno delle estensioni per la riproduzione dell’audio ma non funzionano da ricettori dei comandi: i comandi vocali dovranno essere fatti sempre direttamente ad un Google Home o Home Mini presente nella stanza.

Fonte: Notizia ufficiale Google

Lascia la tua opinione