Google Pixel 3a e 3a XL saranno i nuovi dispositivi di fascia media? I dettagli

Tommaso Lenci
19 Mar 2019

Secondo recenti rumors i prossimi smartphone di fascia media del colosso americano si chiameranno rispettivamente Google Pixel 3a e 3a XL: i dettagli trapelati.

Google Pixel 3a e 3a XL rumors

Sappiamo già da diverse settimane che Google sta lavorando alla commercializzazione di due nuovi smartphone che saranno indirizzati alla fascia media del mercato, e non come da tradizione dell’azienda alla fascia top di gamma.

Google Pixel 3a e 3a Xl i prossimi smartphone di fascia media in arrivo: i rumors

Secondo recenti rumors il colosso americano presenterà sul mercato i nuovi Google Pixel 3a e 3a XL che si differenzieranno per alcuni aspetti hardware.

Il Pixel 3a sarà il più piccolo dei due con un display OLED da 5.6 pollici di diagonale e risoluzione FHD+ 2220 x 1080 pixel e un aspetto in 18.5:9.

Al suo interno Google avrebbe scelto di utilizzare il chipset Snapdragon 670 abbinato a 4GB di ram e probabilmente 64GB di memoria interna che dovrebbe essere espandibile con microSD.

La multimedialità prevederebbe una fotocamera grandangolare anteriore da 8 megapixel, mentre sulla scocca posteriore troviamo una singola fotocamera con un sensore da 12 megapixel.

Il Google Pixel 3a dovrebbe essere alimentato da una batteria interna da 3000 mAh che supporterebbe la ricarica rapida fino a 18W tramite la porta Usb Type C.

Non ci sono ancora dettagli precisi su quali saranno i cambiamenti del modello Pixel 3a XL rispetto al modello 3a, ma si parla già di un display più grande da 6 pollici di diagonale.

Il chipset interno potrebbe cambiare: da uno Snapdragon 670 si passerebbe infatti ad uno Snapdragon 710.

Il comparto multimediale del Google Pixel 3a XL non dovrebbe cambiare, mentre ci si aspetta una batteria più potente con ovviamente lo stesso supporto alla ricarica rapida fino a 18W.

Ci sono elevate possibilità che entrambi i dispositivi supportino nativamente la eSIM e il chipset per la sicurezza Titan M; per questo è altrettanto probabile che la commercializzazione sarà limitata negli USA con specifici operatori telefonici.

Fonte: Notizia

Lascia la tua opinione