Google Stream transfer è ufficiale: multimedialità condivisa sui dispositivi compatibili

Tommaso Lenci
9 Ott 2019

Ufficializzata la nuova funzionalità Google Stream transfer, una funzione che permette agli utenti di “spostare” contenuti multimediali tra dispositivi smart compatibili.

Google Stream transfer ufficiale

Oggi Google ha presentato la sua ultima funzionalità che permetterà agli utenti di spostare-condividere contenuti multimediali come musica, video e foto tra diversi dispositivi smart.

Google Stream transfer è disponibile da oggi: ecco di che cosa si tratta!

E’ una piccola evoluzione di Google Chromecast, dato che sfrutta quest’ultima tecnologia per collegare più facilmente dispositivi smart compatibili.

Tra i dispositivi compatibili possiamo elencare Smart TV, altoparlanti Smart, il Google Home, Nest Hub Max eccetera.

Il trasferimento di file multimediali tra tutti questi dispositivi potrà avvenire in maniera più smart attraverso comandi vocali, l’app Google Home o interazioni touch sugli schermi.

I comandi vocali saranno presi in carico dall’assistente Google; ad esempio si può ordinare “Ehi Google, sposta la musica sull’altoparlante del soggiorno“.

Tramite l’app Google Home si potrà gestire l’intero intrattenimento nella propria casa, monitorare i dispositivi disponibili e trasmettere a quest’ultimi i file multimediali che vogliamo vedere o sentire.

Si potranno spostare i video di YouTube tra il display intelligente Nest e la TV abilitata per Chromecast, sia con comandi touch che tramite comandi vocali.

La musica potrà essere condivisa, spostata su più altoparlanti contemporaneamente, su un unico altoparlante Google Home selezionato, o sul display intelligente Nest.

Il trasferimento in streaming è compatibile con la maggio-parte delle applicazioni audio preferite dagli utenti, tra cui YouTube Music, Spotify, Pandora e altro.

Ribadiamo che Google Stream Transfer è già disponibile su Chromecast e sui dispositivi intelligenti Google Home e Nest se ne possedete uno.

Fonte: Notizia ufficiale Google

Lascia la tua opinione