Huawei e Honor GPU Turbo: la roadmap degli aggiornamenti dei vari smartphone

Tommaso Lenci
13 Giu 2018

Huawei fornirà la sua tecnologia GPU Turbo anche ai telefoni più vecchi, passando dagli smartphone top di gamma ai dispositivi di fascia media anche del secondo marchio Honor: la road-map.

Huawei e Honor GPU Turbo

La tecnologia GPU Turbo è l’ultima innovazione software che permette ad Huawei di sfruttare al meglio i chipset di ultima generazione e più precisamente quei chipset che montano le GPU Mali.

Infatti la nuova modalità GPU Turbo permette di migliorare le prestazioni in determinate applicazioni e video giochi anche del 60% (nella migliore delle ipotesi) e nello stesso tempo si possono ridurre i consumi energetici fino al 30%.

Essendo una modalità sviluppata tramite software non serve nessun aggiornamento hardware per il pieno supporto alla tecnologia GPU Turbo: serve solo un aggiornamento firmware per tutti gli smartphone compatibili.

GPU Turbo di Huawei e Honor: ecco la roadmap con le date i dispositivi aggiornabili

Oggi Huawei ha rilasciato una prima roadmap ufficiale nel quale vengono indicate le date e gli smartphone che riceveranno l’aggiornamento alla tecnologia GPU Turbo.

Nella lista sono compresi dispositivi Huawei ma anche Honor, smartphone top di gamma, di fascia media e anche dispositivi più vecchi: c’è né per tutti quindi.

Secondo quanto riportato dalla roadmap entro la fine di giugno 2018 Huawei Mate 10, Mate 10 Pro e Honor View 10 riceveranno l’aggiornamento firmware contenente la modalità GPU Turbo.

Successivamente nel mese di luglio 2018 saranno aggiornati gli Huawei P20, P20 Pro, Mate RS Porsche Design, Nova 2S, i nuovi tablet MediaPad M5 e infine l’Honor 10.

Nel mese di agosto 2018 toccherà invece agli Huawei Nova 3e, Enjoy 8 Plus, Enjoy 7S, Mate 10 Lite e agli Honor 9 Lite e Honor 7X.

A settembre 2018 toccherà alla gamma Mate 9, poi a ottobre 2018 saranno aggiornati gli Huawei P10, P10 Plus, P10 Lite, Honor 9 e l’Honor 8 Pro.

Da mese di novembre di quest’anno saranno aggiunti nella lista altri dispositivi che saranno aggiornati anche nei mesi successivi, ricoprendo un numero sempre maggiore di smartphone dell’azienda cinese.

Fonte: Via

Lascia la tua opinione