Huawei EMUI 11 è ufficiale ma si basa sempre su Android 10: le novità

Tommaso Lenci
10 Set 2020

Huawei ha ufficializzato l’ultima versione software della sua interfaccia personalizzata basata su Android 10: ecco la nuova EMUI 11 con relative novità.

HUAWEI EMUI 11 ufficiale

Oggi in Cina Huawei ha presieduto una conferenza dedicata agli sviluppatori e ha svelato a quest’ultimi la sua ultima interfaccia personalizzata: la EMUI 11.

Considerato il fatto che Google non ha rinnovato di recente la licenza di Android con la società asiatica, è normale capire che la nuova EMUI 11 non è basata su Android 11 ma bensì Android 10.

L’EMUI 11 raggiungerà i dispositivi compatibili nei prossimi mesi, quindi aspettatevi le notifiche di aggiornamento prima sui dispositivi top di gamma e su quelli più recenti.

Quali sono le principali novità introdotte da Huawei con la nuova interfaccia EMUI 11?

L’azienda cinese ha puntato a migliorare ulteriormente l’esperienza d’uso cambiando e ottimizzando l’interfaccia utente.

Always on Display

Primi cambiamenti si possono notare nella funzionalità Always on Display con un incremento delle possibili personalizzazioni a disposizione dell’utente.

L’utente infatti può applicare nuovi temi, può personalizzare alcuni aspetti delle animazioni, mostrare un’immagine, dei video live, GIF.

Applicazione Galleria

L’applicazione Galleria ha subito alcuni cambiamenti.

La scheda riferita alle foto adesso include un nuovo gesto di pizzicamento che consente agli utenti di passare dalla visualizzazione in base al mese a quella in base al giorno.

La scheda album adesso ha un layout in formato 4:3 e nuove impostazioni personalizzabili per ordinare le foto al suo interno.

Interfaccia EMUI 11: nuove Animazioni, Icone e vibrazioni e altro

Huawei ha ottimizzato e rinnovato in parte anche le animazioni della sua interfaccia personalizzata basate sull’importanza del fattore umano.

Di fatto le animazioni di transazione adesso mimano un effetto di scorrimento continuo che dovrebbe diminuire le distrazioni quando l’utente naviga nell’interfaccia utente.

E’ stata aggiunta poi una nuova funzionalità chiamata Live Icons, che aggiunge un gruppo di icone animate nell’interfaccia utente.

Queste nuove icone animate si possono individuare nel pannello delle notifiche, nell’app Telefono, su Huawei NotePad, Huawei Music e altre.

Da non dimenticare poi le nuove funzioni di vibrazione sincronizzate con l’audio della suoneria del dispositivo.

Infine c’è una nuova funzione chiamata Smart multi-window, che consente agli utenti di regolare le dimensioni delle finestre mobili ed eventualmente ridurle ad icona quando non vengono utilizzate.

La funzione consentirà inoltre agli utenti di aprire le app in finestre mobili da un dock e tutte le finestre ridotte a icona verranno visualizzate in una barra laterale per un facile accesso.

La funzione Smart multi-windows viene ulteriormente potenziata su alcuni dispositivi pieghevoli di Huawei, come ad esempio i Mate X, permettendo di aprire più finestre contemporaneamente.

Intelligenza artificiale e Privacy

Con la EMUI 11 si sviluppa ulteriormente l’intelligenza artificiale con queste nuove funzioni:

  • Multi-screen Collaboration 3.0: contente agli utenti di controllare contemporaneamente fino a 3 applicazioni del telefono sul proprio PC;
  • accettare chiamate su PC;
  • utilizzare il dispositivo come scanner di documenti;
  • miglioramenti nell’app Huawei MeeTime per le video chiamate;
  • miglioramenti per l’assistente vocale Celia.

Per quanto riguarda la Privacy e la sicurezza sulla EMUI 11 ci sono stati alcuni cambiamenti.

Questi includono una nuova icona indicatore nella barra di stato che indicherà agli utenti quando una determinata applicazione sta utilizzando la fotocamera, il microfono o la geo-localizzazione.

E’ stata poi introdotta una nuova funzionalità che impedirà alle applicazioni in background l’accesso al microfono, fotocamera e geo-localizzazione.

Anche l’app Galleria ha ricevuto miglioramenti alla privacy e alla sicurezza, includendo il supporto dell’elaborazione AI sul dispositivo, l’opzione per rimuovere i dati EXIF ​​dalle immagini e un album nascosto per archiviare le foto “sensibili”.

Altre novità in generale e disponibilità

Altre novità in generale includono una nuova funzionalità di memo all’interno di Huawei Notes, una funzione Safety Cast per impedire la visualizzazione di informazioni sensibili trasmesse sulla TV.

Per quanto riguarda la disponibilità degli aggiornamenti, al momento Huawei non ha dichiarato nulla di ufficiale.

Ma poiché il software è già in fase di test, ci si aspetta a breve almeno una beta pubblica sui dispositivi più recenti e importanti come gli Huawei P40 e Mate 30.

Fonte: Via

Lascia la tua opinione