Huawei Mate 20 Pro escluso dalla beta di Android Q 10.0

Tommaso Lenci
21 Mag 2019

Huawei Mate 20 Pro da oggi non fa più parte del programma beta degli smartphone che possono provare in anteprima Android Q 10.0: i dettagli.

Huawei Mate 20 Pro escluso dal programma beta Android Q

I più attenti si ricorderanno benissimo che circa due settimane fa avevamo rilasciato un articolo che indicava tutti gli smartphone di vari produttori che avrebbero fatto parte del programma Beta 3 di Android Q 10.0.

Tra questi smartphone spuntava pure il nome dell’Huawei Mate 20 Pro.

Huawei Mate 20 Pro è stato escluso dalla beta di Android Q dopo il caso della licenza revocata

Dato però il caos degli ultimi giorni, con la revoca della licenza Android da parte di Google sugli smartphone Huawei, questo smartphone è stato escluso oggi dal programma beta.

Nonostante Google abbia dato una proroga di altri 90 giorni ad Huawei per l’utilizzo della licenza Android, sembra che l’azienda americana abbia già messo in chiaro la situazione che attende molti dispositivi dell’azienda cinese.

Fintanto che Huawei si troverà nella black-list del governo americano Google non garantirà ai dispositivi già presenti sul mercato i futuri aggiornamenti alle versioni software successive.

Al momento infatti i dispositivi Huawei già commercializzati potranno godere dell’utilizzo del play store e dei futuri aggiornamenti di sicurezza del sistema operativo.

Ma sottolineiamo che per adesso tutti i dispositivi dell’azienda cinese non godono più del diritto all’aggiornamento Android Q 10.0.

Considerato questo, i dispositivi della gamma Huawei Mate 20, Huawei P30 ma anche Honor V20, Honor Magic 2 eccetera potrebbero trovarsi menomati dell’aggiornamento ad Android Q 10.0 se le cose non cambieranno.

I consumatori quindi si troveranno con degli smartphone che alla fine non garantiranno più qual valore aggiunto promesso al momento dell’acquisto.

Vedremo se la storia muterà nelle prossime settimane, sperando che alla fine le società troveranno un accordo per risolvere questa situazione piuttosto grave.

Fonte: Notizia ufficiale blog Android Q Beta

Lascia la tua opinione