iPhone 7, 7 Plus vs iPhone 6s, 6S Plus e iPhone SE: durata batteria ufficiale

Tommaso Lenci
8 Set 2016

Ecco in iniziale confronto con dati ufficiali Apple della differenza d’autonomia tra iPhone 7, 7 Plus e tutti gli altri iPhone 6S, 6S Plus e iPhone SE.

iPhone 7 vs iPhone 6S vs iPhone Se batteria

Con l’arrivo del nuovo iPhone 7 e del suo fratello maggiore 7 Plus il sito ufficiale di Apple ha fornito qualche dato iniziale sull’autonomia della batteria di quest’ultimi due dispositivi.

Anche se non sappiamo quale sia la potenza effettiva delle batterie montate sui nuovi iPhone, possiamo dirvi fin da subito che entrambi hanno un autonomia in certi casi superiore rispetto alla passata generazione iPhone 6S e anche rispetto al compatto iPhone SE.

iPhone 7: autonomia della batteria

Generalmente dai primi dati si può notare che l’iPhone 7 garantisce circa 14 ore consecutive di conversazione telefonica in 3G e 10 ore di Stand-By, valori del tutto simili a quelli dell’iPhone 6S e dell’iPhone SE.

I miglioramenti si hanno sopratutto nell’utilizzo multimediale del dispositivo e nella navigazione sul web, dato che il nuovo top di gamma di Apple permette di stare su internet per 12 ore utilizzando una connessione mobile 3G o 4G e ben 14 ore utilizzando solo la connettività Wifi.

Sono valori anche superiori al compatto iPhone SE e di due o tre ore più elevate rispetto all’iPhone 6S, che non supera le 10 ore di navigazione sul web con 3G o 4G e 11 ore con connettività Wifi.

Anche nella riproduzione video si hanno sostanziali miglioramenti, con riproduzione in modalità Wireless di 13 ore con l’iPhone 7, valore uguale all’iPhone SE e 2 ore in più rispetto all’iPhone 6S che però riproducono video non wireless.

Infine l’ultimo iPhone permette di riprodurre musica wireless per circa 40 ore, valore di 10 ore inferiore rispetto agli altri due iPhone sopra citati, dato che i valori di quest’ultimi si riferiscono alla riproduzione di musica in modalità non wireless.

iPhone 7 Plus: autonomia della batteria

Come di consuetudine la versione Plus da 5.5 pollici di diagonale è quella che offre i livelli d’autonomia più elevati grazie ad una batteria più potente rispetto alla versione normale.

Rispetto all’iPhone 6S Plus, l’unico che può seriamente reggere il confronto, la nuova generazione di iPhone ha un autonomia in stand-by identica, e più o meno simile durante le chiamate telefoniche.

I dati indicano infatti 21 ore di telefonate in modalità wireless 3G e fino a 16 giorni d’autonomia in stand-by, valori già visti in passato con il 6S Plus.

Vantaggi invece si hanno durante la navigazione sul web con circa un ora e mezzo in più d’autonomia rispetto al passato iPhone 6S Plus.

Con iPhone 7 Plus potete infatti navigare sul web in 3G o 4G per circa 13 ore e 15 ore in modalità solo Wifi, mentre 6 Plus si ferma rispettivamente a 12 ore in 3G, 4G e in Wifi.

Durante la riproduzione di video l’iPhone 7 Plus non fa così meglio rispetto al suo predecessore con una riproduzione wireless di circa 14 ore, uguale a quella dell’iPhone 6S che riproduce video non wireless per la stessa durata.

7 Plus inoltre permette di riprodurre musica in modalità wireless per circa 60 ore, mentre su 6S Plus la musica non wireless può essere riprodotta per circa 80 ore.

Conclusioni

In conclusione possiamo dire che l’autonomia dei nuovi top di gamma di Apple risulta essere sulla carta migliorata rispetto al passato, considerando anche l’implementazione del nuovo chipset A10 Fusion che ha prestazioni ben più elevate rispetto al passato A9.

L’unica vera mancanza del nuovo iPhone 7 e 7 Plus sembra essere quella dell’assenza della ricarica rapida della batteria, dato che in media un utente deve aspettare almeno due ore per i modello da 4.7 pollici e qualcosa in più per  quello da 5.5 pollici.

La concorrenza ormai applica la ricarica rapida su moltissimi smartphone di fascia medio alta e top di gamma, che quindi possono utilizzare batterie ben più potenti dato che si ricaricano più o meno negli stessi tempi degli iPhone 7 o anche più velocemente.

A detta di alcuni la tecnologia di ricarica rapida delle batteria alla lunga danneggia le stesse batterie, forse è questa la motivazione che spinge Apple a non volerla implementare?

Lascia la tua opinione