iPhone 7: a Intel il 50% dei chip modem GSM, componenti differenti anche per il prossimo dispositivo!

Silvia
17 Mag 2016

iPhone 7

Dopo innumerevoli voci e negoziati Intel è stata scelta per fornire ad Apple il 50% dei chip modem che andranno ad equipaggiare il prossimo iPhone 7, questo quanto anticipato da una fonte interna a Cupertino che ha avuto modo di mettere gli occhi su un documento di fornitura del partner che garantisce la consegna dei componenti per il mese di Luglio.

L’elevata percentuale di modem commissionati ad Intel ha una drastica ricaduta sul fatturato di Qualcomm che fino ad ora era l’unico fornitore di Chip Modem GSM integrati sui dispositivi Apple, un grande cambiamento anche per quanto riguarda le abitudini dell’azienda che non ha mai fatto affidamento, per l’approvvigionamento di grandi quantità di componenti, ad aziende di terze parti da poco entrate nel team in affari con Apple.

Tuttavia la scelta di Apple di affidarsi ad intel non è poi così sorprendente, l’azienda vanta un nuovo chip modem GSM di ultima generazione e molto più potente rispetto a quello fornito da Qualcomm per iPhone, quest’ultimo dato ha convinto Appel ad affidargli il 50% della produzione, d’altro canto, anche il concorrente Qualcomm dovrebbe stare al passo con le ultime tecnologie e fornire un componente dalle uguali prestazioni, ma che inevitabilmente si potrebbe differenziare leggermente.

Dopo le polemiche suscitate con l’hardware utilizzato in iPhone 6S e 6S Plus, in particolare i Chip A9 in parte prodotti da Samsung e in parte prodotti da TSMC, Apple avrebbe dovuto capire che scegliere due produttori differenti non sarebbe stata una buona idea per un dispositivo così importante con l’iPhone 7 e l’iPhone 7 Plus in quanto anche in questo caso, si potrebbero registrare diverse velocità e una diversa potenza di segnale.

Come nel precedente caso, potrebbe trattarsi di una leggera differenza impercettibile, se non misurata con appositi software, ma che comunque potrebbe anche questa volta fare infuriare i clienti.

Fonte

Lascia la tua opinione