iPhone: chiudere le applicazioni migliora l’autonomia della batteria?

Tommaso Lenci
14 Mar 2016

Apple ha ufficialmente risposto alla che molti utilizzatori di smartphone, e quindi anche di iPhone, si sono sempre domandati: chiudere le app fa risparmiare batteria?

iPhone applicazioni e batteria

I più moderni smartphone come gli attuali iPhone 6S e 6 hanno un hardware capace di gestire più applicazioni contemporaneamente, che possono essere richiamate quando abbiamo bisogno utilizzando il software di gestione del multitasking: “Ma tutte queste applicazioni in background possono consumare più velocemente la batteria del nostro iPhone?“.

A questa domanda c’è già una risposta: in un email inviata direttamente a Tim Cook un possessore di iPhone ha chiesto se per risparmiare batteria è sufficiente chiudere di frequente tutte le applicazioni utilizzate precedentemente sul proprio iPhone per evitare che si accumulino app in background.

Ebbene anche se non ha risposto direttamente Tim Cook al suo posto ci ha pensato il capo della sezione sviluppo di Apple iOS, Craig Federighi, che ha affermato in poche parole che non serve chiudere le applicazioni in background per risparmiare batteria.

iPhone, le applicazioni e il risparmio energetico: una funzione da ricordare

Va comunque ricordato che sfortunatamente non tutte le applicazioni in background sul vostro iPhone o iPad saranno del tutto bloccate come afferma Craig Federighi, a causa di alcuni bug o forzature da parte dei programmatori: la sospensione infatti non inibisce alcune app come Facebook di continuare a sincronizzarsi con il vostro account e quindi in sostanza di continuare a consumare sempre un po’ di batteria del vostro dispositivo.

I più esperti sanno però che all’interno del sistema operativo iOS degli iPhone e degli iPad c’è una funzione chiamata Aggiornamento Applicazioni in Background; quest’ultima opzione permette, quando è attivata, di decidere quali applicazioni continueranno a ricevere dati e informazioni quando si trovano in background e quindi continueranno ad aggiornavi con notifiche e occupare risorse.

Quando questa funzione viene disattivata Apple iOS gestisce di default le applicazioni in background, ovvero le sospende dopo pochi secondi che non vengono più utilizzate e non permette a quest’ultime di occupare risorse del sistema operativo e dell’hardware, e quindi in poche parole quest’ultime non consumano più la batteria del vostro iPhone o iPad.

Nel caso però di Facebook senza l’utilizzo della funzione Aggiornamento Applicazioni in Background, l’applicazione continuerebbe a rimanere sincronizzata con l’account e quindi a consumare risorse: inserendola nella lista tra quelle che non vogliamo aggiornare, risolviamo anche questo problema.

Lascia la tua opinione