Kirin 980 confermato su Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro

Christian
26 Set 2018

L’uscita di Huawei Mate 20 e Huawei Mate 20 Pro è molto attesa in quanto sono dispositivi che promettono una grande evoluzione rispetto alla già consolidata linea di Huawei P20 che ha riscosso molto successo nelle vendite del 2018.

Kirin 980 Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro

Gli smartphone in questione sono molto attraenti dal punto di vista estetico e promettono grandi funzionalità a livello hardware e fotografico, grazie all’integrazione dei sensori ottici marchiati LEICA.

Kirin 980 su Huawei Mate 20 e 20 Pro

Le differenze sostanziali che rappresentano la nuova linea si riscontrano anche sul display, il quale presenta dimensioni superiori alla media con ben 6,3″.

La variante Huawei Mate 20 Pro dispone di un riconoscimento facciale 3D, non disponibile per Huawei Mate 20(modello base), siccome il riconoscimento facciale richiede un notch abbastanza grande, mentre su quest’ultima variante si presenta molto ridotto con un design a goccia. Oltretutto, Mate 20 dispone di una scansione dell’impronta digitale sul retro dello smartphone, mentre Mate 20 Pro possiede una scansione dell’impronta digitale sul display.

Nell’ultimo teaser trapelato proprio ieri, è facile notare come il video si concentra sul processore dello smartphone, il Kirin 980, presentato qualche mese fa dall’azienda e sviluppato per essere nettamente superiore al Bionic A12 di Apple.

Il nuovo chipset di Huawei è stato infatti presentato in occasione la fiera tecnologica IFA che si è tenuta a Berlino dal 31 agosto al 5 settembre ed ha da subito fatto parlare di se, sopratutto per il fatto che l’azienda non ha intenzione di fornire il suo nuovo Kirin 980 ad altre aziende produttrici di smartphone

Dunque, le informazioni ottenute ad agosto, ci permettono di affermare che Kirin 980 sarà disponibile per la prima volta su uno smartphone marchiato Huawei, strutturalmente sviluppato per accompagnare la nuova linea top di gamma Mate 20 e Mate 20 Pro.

Il Kirin 980 è un processore dalle dimensioni di soli 7 nanometri, una dimensione talmente ridotta che finora non è presente su alcun dispositivo attualmente sul mercato, il primo a sfruttare i nuovi core Cortex A76 e sarà pronto a combattere contro il performante Apple A12 Bionic (con la speranza di poterlo battere) il quale è stato valutato come migliore processore in circolazione.

Huawei ha ampiamente enunciato che il chip Kirin 980 sarà molto più potente e molto più efficiente rispetto a Qualcomm 845 (molto apprezzato anch’esso per l’ottima funzionalità e scelto da moltissime case concorrenti).

L’introduzione di Kirin 980 è una piccola conferma che potrà essere consolidata il 16 ottobre, data di presentazione ufficiale della linea, e solo all’ora si potranno eseguire i primi test di paragone con il chipset introdotto da Apple per i nuovi iPhone Xs

Lascia la tua opinione