L’assistente Google adesso legge le pagine web in 42 lingue diverse

Tommaso Lenci
4 Mar 2020

L’Assistente Google si evolve e adesso è in grado di leggere il contenuto scritto all’interno delle pagine web in ben 42 lingue diverse: i dettagli.

Assistente Google legge le pagine web

Chi ha la memoria lunga si ricorderà sicuramente che ad inizio 2020 Google aveva annunciato al grande pubblico una serie di novità in arrivo per il suo assistente virtuale.

Tra di queste c’era la possibilità da parte dell’assistente Google di poter leggere i contenuti scritti all’interno delle pagine web.

L’assistente Google si evolve: adesso è in grado di leggere le pagine web in 42 lingue diverse

Alla fine sembra che questa nuova funzionalità sia stata completata, e il rilascio dell’aggiornamento per l’assistente Google sia ormai iniziato a livello internazionale.

Si tratta di una funzionalità che risulta essere molto semplice da attivare, anche perché basta usare uno di questi comandi vocali:

  • “Read It” (Leggi)
  • “Read this page” (Leggi questa pagina).

Tale comando può essere utilizzato ogni volta che l’utente sta guardando un articolo web su un qualsiasi browser (Google infatti non specifica che sia necessario usare per forza Chrome).

Impartito il comando vocale all’assistente Google, verrà aperta un interfaccia utente che farà partire il lettore di pagine; il browser continuerà a scorrere la pagina automaticamente seguendo di fatto la lettura dell’assistente virtuale.

In qualsiasi momento l’utente potrà mettere in pausa l’interfaccia di lettura, andare avanti o indietro

Nel caso in cui la lingua di scrittura del sito web è differente rispetto alla lingua madre dell’utente, sarà possibile cambiare la lingua di lettura che effettuerà anche una traduzione simultanea (in 42 lingue diverse).

I proprietari/autori di siti web potranno eventualmente evitare che gli utenti possano leggere i loro  articoli con l’assistente Google inserendo il TAG nopagereadaloud nel codice HTML.

Se utilizzate spesso l’assistente Google, vi consigliamo fin da oggi di provare questa nuova funzionalità che dovrebbe essere ormai già attiva a livello internazionale.

Fonte: Notizia Ufficiale

Lascia la tua opinione