Mercato telefonia Mobile a marzo 2020: Iliad cresce, WindTre, Tim e Vodafone perdono terreno

Tommaso Lenci
16 Lug 2020

L’ultimo resoconto stilato dal’AGCOM svela un mercato di telefonia mobile con sim in diminuzione, Iliad e operatori virtuali che rubano clienti a Wind, Tim e Vodafone.

Mercato Telefonia Mobile Italia analisi AGCOM WINTRE Vodafone TIM Iliad

Oggi 16 luglio 2020 è stato pubblicato un nuovo resoconto stilato dall’AGCOM che si focalizza anche sull’analisi del settore della telefonia mobile in Italia.

I dati arrivano a comprendere marzo 2020, quindi siamo in piena emergenza CoronaVirus.

Analisi del mercato di telefonia mobile in Italia a marzo 2020 stilato dall’osservatorio AGCOM: Iliad al top

Il primo dato che l’osservatorio AGCOM mette in evidenzia è il numero di linee mobili complessive presenti in Italia.

Da quello che possiamo vedere nel grafico in Italia a marzo 2020 sono presenti 103,1 milioni di linee attive, in calo rispetto alle linee telefoniche presenti negli ultimi quattro trimestri (da marzo 2019 a dicembre 2019).

Per quanto riguarda le quote di mercato, TIM è l’operatore più diffuso con una percentuale del 29,6.

Distanziato di pochissimo troviamo Vodafone con una quota del 28,8%, mentre WindTre si assesta al 26,9%.

Iliad è il quarto operatore telefonico nazionale con una quota del 5,6%, a seguire Poste Italiane (4.1%) e poi il resto degli operatori virtuali che si spartisce una quota percentuale del 4,9%.

Da sottolineare come TIM, Vodafone e WindTre abbiano comunque perso quote di mercato rispetto ad un anno fa.

WindTre rispetto a marzo 2019 ha perso la bellezza di 2 punti percentuali, mentre TIM e Vodafone perdono rispettivamente lo 0.9% e lo 0,3%.

Di fatto Iliad ha rubato clienti a questi tre operatori, considerato che l’azienda con sede principale in francia guadagna 2,5 punti percentuali rispetto ad un anno fa.

Gli altri operatori virtuali guadagnano complessivamente uno 0,7%.

La situazione per WindTre, Tim e Vodafone si aggrava se consideriamo solo le SIM Human (ovvero quelle classiche che non comprendono quelle solo dati).

Qua le percentuali di perdita di mercato salgono a 2,8% per WindTre e dell’1% per Tim e Vodafone: in questo caso Iliad guadagna il 3.4% del mercato.

Altro dato interessante riguarda la ripartizione tra SIM ricaricabili e SIM in abbonamento.

Le ultime di fatto hanno perso una quota percentuale del 10,6% a vantaggio delle prime nel giro di appena un anno.

Analizzando poi il traffico dati su rete mobile si nota che le sim con traffico dati a marzo 2020 sono aumentate a 56 milioni rispetto ai 55,3 milioni di marzo 2019.

Nonostante l’aumento minimo delle sim con traffico dati, il volume complessivo dei traffico dati mobile è arrivato a toccare i 1405 petabyte di dati superando ampiamente gli 870 petabyte di marzo 2019.

Sicuramente la crisi causata dal Covid-19 ha incrementato sensibilmente il consumo dati su sim telefoniche delle persone costrette a rimanere a casa.

Infine un confronto dati sull’indice di portabilità tra le varie line telefoniche mobili che è cresciuto del 7,6% rispetto a marzo 2019 con un volume complessivo di 149,4 milioni di linee coinvolte.

Tra gli operatori telefonici WindTre è quello che ha il tasso più elevato di portabilità tra le linee in uscita, mentre ILiad quello con la percentuale più bassa.

Invece se parliamo di portabilità di linee in entrata Iliad è l’operatore con la percentuale più elevata, mentre Wind Tre è quello con la percentuale più bassa.

Da ricordare, per la statistica, che le sim telefoniche Ho.Mobile vengono considerate nel pacchetto Vodafone, mentre quelle Kena Mobile in quello TIM.

Lascia la tua opinione