NetFlix aumenta i prezzi degli abbonamenti negli USA: presto anche in Europa?

Tommaso Lenci
30 Ott 2020

NetFlix ha annunciato aumenti al costo mensile degli abbonamenti per gli utenti residenti negli Stati Uniti: arriveranno anche in Europa a breve? I dettagli.

NetFlix cambia il prezzo degli abbonamenti negli USA

Da quanto riportato dalla testata tecnologia The Verge, oggi Netflix ha ufficializzato un aumento del costo degli abbonamenti mensili per gli utenti americani.

NetFlix cambia il costo degli abbonamenti negli USA: ecco i dettagli

Rimangono i tre classici abbonamenti: base, standard e Premium.

L’abbonamento base, che permette la visione dei contenuti a 480P su un solo dispositivo alla volta, non cambia prezzo: rimane infatti ancorato ai 9 dollari mensili.

Cambia invece il prezzo dell’abbonamento standard, quello che consente la visione di contenuti a 1080p (FHD) su due dispositivi contemporaneamente.

Infatti l’abbonamento standard passa dagli passati 13 dollari mensili agli attuali 14 dollari mensili.

Infine c’è l’abbonamento premium, quello che vi consente di vedere contenuti in 4K Ultra HD su quattro dispositivi contemporaneamente.

In questo caso il rincaro del prezzo dell’abbonamento mensile è più corposo: si passa infatti dai 16 dollari mensili agli attuali 18 dollari.

L’aumento del costo degli abbonamenti Standard e Premium sarebbe giustificato dall’incremento della concorrenza dei servizi on demand HBO Max, Disney+, and Peacock negli USA.

Per mantenere contenuti unici, che la concorrenza non possiede, Netflix quest’anno ha speso la bellezza di 18.5 miliardi di dollari per la produzione di contenuti personalizzati (serie TV, Film, animazioni o altro).

L’incremento dei prezzi negli USA di fatto sarà utilizzato per la produzione di nuovi e più coinvolgenti contenuti unici che dovranno soddisfare le esigenze degli attuali abbonati, ed eventualmente conquistarne di nuovi.

Non sappiamo se e quando NetFlix apporterà degli aumenti negli abbonamenti mensili destinati agli utenti europei, e quindi anche per quelli italiani.

Molto probabilmente l’azienda americana prima di effettuare questa scelta controllerà se la nuova strategia di prezzo non comporterà dei pesanti feedback negativi provenienti dagli utenti americani.

Fonte: Via

Lascia la tua opinione