Netflix lancia un piano tariffario gratuito su Android: per adesso solo in Kenya

Tommaso Lenci
21 Set 2021

Netflix ha annunciato che in specifici paesi sarà abilitato un nuovo piano tariffario gratuito su piattaforma Android: per adesso si parte solo in Kenya.

Netflix account gratuito su piattaforma Android

Potrebbe essere l’inizio di un importante cambio a livello di strategia aziendale per Netflix, uno dei più importanti servizi di video on demand del mondo.

Netflix annuncia il piano tariffario gratuito per Android in Kenya: ecco i dettagli

Un comunicato ufficiale da parte della stessa azienda ha infatti informato che sarà attivato in Kenya, e pensiamo che si aggiungeranno altri paesi in futuro, un nuovo profilo tariffario gratuito.

Il nuovo profilo tariffario è attivabile solo sui dispositivi Android e non richiede alcuna informazione di pagamento da parte degli utenti al momento della registrazione dell’account.

Gli utenti devono fornire un’email valida e confermare di avere almeno 18 anni (la maggiore età).

Cosa cambia dal profilo normale a pagamento rispetto a quello gratuito?

Di fatto gli utenti che potranno accedere gratuitamente a Netflix potranno vedere al massimo il 25% del portafoglio di film, serie TV, anime etc presente nel database.

Oltre a questo gli utenti del profilo gratuito non saranno in grado di i trasmettere contenuti a TV e altri dispositivi (Chromecast), e non potranno scaricare i contenuti multimediali per la visualizzazione offline.

Rimangono attive però tutte le personalizzazioni di Netflix, come i consigli, la possibilità di aggiungere più profili, non ci sarà la pubblicità (al momento) ed è possibile abilitare pure il controllo genitori.

Sembra che questa soluzione servirà lato statistico/marketing a Netflix per capire quanti utenti saranno intenzionati a passare da un profilo gratuito limitato ad uno completo ma a pagamento.

Di fatto l’utente prova il servizio e poi se è convinto passa alla versione completa.

Vedremo se questa soluzione si farà strada anche in altri paesi.

Fonte: Notizia ufficiale

Lascia la tua opinione