Operatori telefonici stop ufficiale alla fatturazione ogni 28 giorni: le tempistiche

Tommaso Lenci
15 Nov 2017

La controversia sulla fatturazione ogni 28 giorni e non mensile ha finalmente un esito positivo: gli Operatori telefonici dovranno ufficialmente abbandonarla: ecco le tempistiche.

Operatori telefonici stop fatturazione 28 giorni

Dopo qualche mese di duri scontri tra l’AGCOM e i vari operatori telefonici italiani, oggi il caos della fatturazione ogni 28 giorni sta per finire.

Infatti ieri 14 novembre 2017 la Commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento che mette praticamente fine alla fatturazione ogni 4 settimane che dovrà tornare alla classica fatturazione mensile (30 giorni).

Operatori telefonici e altro: devono abbandonare la fatturazione ogni 28 giorni

L’emendamento in questione, che è stato aggiunto al decreto Fisco, obbliga sostanzialmente tutti gli operatori telefonici, ma anche quelli delle PAY TV e dei servizi generali di comunicazione elettronica, a tornare alla fatturazione mensile.

Dall’elenco degli soggetti obbligati al cambiamento sono esclusi però tutti i contratti che hanno una durata inferiore alla classica mensilità, gli abbonamenti non rinnovabili e quelli a consumo.

Per esempio le bollette della luce e del gas non dovranno avere obbligatoriamente la fatturazione mensile, dato che il consumatore paga solamente quello che consuma.

Gli operatori telefonici inoltre saranno oggetto a maggiori controlli e dovranno rispettare la massima trasparenza nei confronti dei consumatori

Per esempio nei contratti di telefonia fissa con Fibra dovranno indicare chiaramente se il contratto si riferisce ad un allacciamento con tecnologia Fibra FTTC o FTTH e le differenze prestazionali.

Tutti i soggetti, Operatori telefonici, Pay TV eccetera, facenti parte dell’emendamento avranno 120 giorni di tempo per adeguarsi alle nuove direttive quando quest’ultimo diventerà effettivamente legge vigente.

Le aziende che non rispetteranno i termini previsti e continueranno a fatturare ogni 4 settimane dovranno effettuare un rimborso una tantum di 50 euro al cliente e pagare una penale di un euro aggiuntivo per ogni giorno di ritardo.

Va sottolineato che comunque alcuni operatori telefonici (fisici e virtuali) hanno già comunicato che in tempi brevi torneranno alla fatturazione mensile: Vodafone e Fastweb infatti ci stanno già lavorando.

Lascia la tua opinione