Samsung Neuro Game Booster: il nuovo software che ottimizza la GPU degli smartphone

Tommaso Lenci
22 Gen 2019

Samsung ha registrato un nuovo nome commerciale che si riferisce ad un software destinato ad ottimizzare le prestazioni delle GPU montate sugli smartphone: il Neuro Game Booster.

Neuro Game Booster

Oggi sul web è stata diffusa una notizia interessante che riguarderà in futuro i possessori di uno smartphone Samsung di nuova generazione, ma si spera che tale novità sarà implementata anche sui dispositivi già commercializzati.

Neuro Game Booster: il software di Samsung per ottimizzare le GPU degli smartphone

Infatti il colosso coreana ha registrato un nuovo nome commerciale, Neuro Game Booster, che come potete capire voi stessi dal nome si riferisce ad un software di ottimizzazione per la GPU.

Molto probabilmente questa sarà la risposta ufficiale di Samsung alla tecnologia GPU Turbo implementata negli ultimi mesi da Huawei per i propri smartphone con chipset Kirin.

Il marchio registrato con il nome Neuro Game Booster ufficialmente definisce il software così: “Software for smartphones; Electronic game software for mobile phones; Electronic game software for handheld electronic devices; Computer programmes for playing games; Computer application software featuring games and gaming; Artificial intelligence software; Downloadable computer game software; Recorded computer game software.

Sostanzialmente questo Neuro Game Booster dovrebbe sfruttare l’intelligenza artificiale dei più moderni chipset Exynos montati sugli smartphone Samsung per ottimizzare le prestazioni delle GPU.

Questo si dovrebbe concretizzare in un esperienza migliorata per i gamers che cercano sempre di ottenere la migliore qualità video quando giocano, evitare rallentamenti negli fps, consumare meno ram e batteria possibile.

Molto probabilmente questa tecnologia sarà applicata ai nuovi chipset Exynos 9820 che saranno implementati nella prossima Gamma Galaxy S10.

Vi ricordo che i prossimi Galaxy S10 saranno tutti annunciati in data 20 febbraio 2018.

Fonte: Via

Lascia la tua opinione