TIM blocco automatico servizi VAS e sistema OTP in funzione da novembre 2020

Tommaso Lenci
9 Ott 2020

Anche TIM dopo la contestazione dell’AGCOM prende posizione: blocco automatico dei servizi VAS e attivazione del sistema OTP da novembre 2020.

TIM servizi VAS blocco automatico

Dopo la lettera di contestazione dell’AGCOM lo storico operatore italiano TIM prende la propria posizione e comunica ufficialmente che ci saranno importanti cambiamenti il prossimo mese.

TIM si allinea alle disposizione AGCOM sul blocco automatico dei servizi VAS e implementa il sistema OTP: i dettagli

I cambiamenti riguarderanno la gestione della spinosa questione dei servizi VAS.

Si tratta quindi di quei servizi che vengono attivati sulla SIM telefonica dell’utente senza che quest’ultimo ne abbia dato il consenso.

Spesso infatti accade che questi servizi a pagamento vengano attivati semplicemente cliccando in maniera errata su un Pop UP o un banner pubblicitario.

Gli utenti si trovano di fatto costretti a pagare servizi settimanali con prezzi decisamente eccessivi e di dubbia utilità che non hanno mai espressamente richiesto.

TIM: arriva il blocco automatico dei servizi VAS per tutti

Finalmente TIM ha deciso di porre rimedio e bloccare definitivamente, anche su tutte le nuove SIM telefoniche, la possibilità di attivare i servizi VAS in automatico.

Il blocco automatico partirà dal 20 novembre 2020, ma ovviamente non coinvolgerà i servizi di pagamento definiti “utili” come quelli bancari, del parcheggio, dei servizi di trasporto pubblico e così via.

Qualora l’utente sia interessato all’attivazione automatica dei servizi VAS potrà fare richiesta esplicita all’operatore telefonico per la disabilitazione del blocco.

Il nuovo sistema OTP per ottenere il consenso esplicito dell’utente

Ma l’attività di TIM per evitare l’attivazione di servizi non richiesti si concretizza in un ulteriore funzione: il sistema OTP.

Il meccanismo OTP rileva l’eventuale tentativo da parte di un servizio di terzi di attivare sulla Sim telefonica un servizio a pagamento.

In questo caso la funzione OTP reindirizzerà l’utente su una pagina web direttamente gestita da TIM all’interno della quale si forniranno ulteriori informazioni al riguardo.

L’utente sarà in grado quindi di scegliere se attivare o meno il servizio seguendo alcuni semplici passaggi e rilasciando di fatto il suo consenso diretto.

Il consenso avverrà tramite l’ottenimento via SMS di un codice OTP da utilizzare come conferma sulla pagina gestita da TIM.

Tutti gli utenti TIM saranno informati di questo cambiamento tramite una campagna informativa dell’operatore che durerà fino al 31 dicembre 2020 tramite vari canali di comunicazione.

Per avere un dettaglio ancora completo delle novità, potete leggere il Comunicato ufficiale di TIM rilasciato all’AGCOM.

Lascia la tua opinione