TIM rimodulazione: prezzo in ribasso dello 0.40%, più Giga e chiamate illimitate per alcune tariffe

Tommaso Lenci
28 Mar 2018

Un recente comunicato ufficiale di TIM annuncia una nuova rimodulazione per alcune tariffe: prezzo in ribasso dello 0.40%, più Giga in 4G e chiamate illimitate.

Tim rimodulazione prezzi tariffe aprile 2018

Dopo settimane di notizie altalenanti sulla rimodulazione in arrivo dovuta al cambiamento dalla fatturazione settimanale a quella mensile, oggi TIM ha rilasciato un comunicato ufficiale che renderà contenti alcuni clienti.

Forse sotto l’assillo dell’AGCOM, che di recente ha bloccato i rincari dei rinnovi mensili avvenuti con le nuove offerte di alcuni operatori telefonici, lo storico operatore itlaiano ha iniziato ad adeguarsi alle direttive del nostro garante per le comunicazioni.

TIM nuovo rimodulazione con prezzi in ribasso, più giga e chiamate per alcune tariffe telefoniche: i dettagli

Infatti lo storico operatore telefonico applicherà tre interessanti cambiamenti a partire dal 8 aprile 2018 che riguardano tutti i clienti.

Il primo cambiamento riguarda la rimodulazione del prezzo delle offerte mobili mensili cambiate dal 5 marzo 2018: in questo caso il prezzo dell’offerta sarà calato dello 0.40%.

I contenuti, piani (sms, giga, chiamate) di quest’ultime rimarranno invariate e continueranno a rinnovarsi mensilmente.

Per chi ha invece sottoscritto un piano tariffario TIM Young otterrà un Giga di traffico dati in 4G per navigare in più ogni rinnovo mensile per i successivi 12 mesi (1 anno).

Infine chi ha attivato un piano tariffario TIM 60+ le chiamate verso i numeri mobili TIM nei weekend diventeranno illimitate per 1 anno (12 rinnovi).

Oltre a questo lo storico operatore telefonico italiano informa che “le offerte mobili i cui pagamenti sono addebitati sulla fattura TIM di rete fissa (ad esempio TIM Smart Mobile) o associate ad una linea fissa sono sottoposte a vincoli di approvazione da parte dell’Autorità di settore. Non appena ottenuta tale approvazione, l’azienda comunicherà le nuove condizioni di offerta”.

Bisognerà vedere se questi cambiamenti saranno considerati adeguati dall’AGCOM, inoltre rimane ancora in sospeso il problema dei rimborsi per i giorni perduti con la fatturazione ogni 28 giorni rispetto a quella mensile, rimborsi che al momento sono stati bloccati dal TAR e non sappiamo in che maniera saranno pagati.

La diatriba tra gli operatori telefonici italiani e l’AGCOM al momento non sembra essere ancora risolta.

Fonte: Notizia ufficiale

Lascia la tua opinione