WhatsApp cambia politica Privacy: i dati condivisi con Facebook (aggiornamento)

Tommaso Lenci
15 Gen 2021

Facebook ha cambiato la propria politica sulla Privacy introducendo la possibilità di condividere i dati degli utenti WhatsApp con la sua piattaforma principale (aggiornato)

WhatsApp Dati privacy condivisi su società Facebook dal 8 febbraio 2021

Avvertiamo tutti gli utenti di WhatsApp, la più famosa applicazione di messaggistica istantanea per Android e Apple iOS, che è stata aggiornata la politica sulla privacy.

Cambia la politica della privacy su WhatsApp: i dati saranno sempre condivisi con società Facebook? (aggiornato)

Aggiornamento del 15 gennaio 2021: Facebook ha affermato che i cambiamenti della privacy in questione saranno applicati da maggio 2021 e non più da febbraio 2021.

Questo è il comunicato:” Stiamo posticipando la data in cui richiederemo ai nostri utenti di rivedere e accettare i termini. L’8 febbraio, nessun account verrà sospeso o eliminato. Continueremo a impegnarci per fare chiarezza sulle informazioni errate riguardanti la sicurezza e la privacy su WhatsApp. In modo graduale, e secondo le tempistiche di ciascuno, inviteremo i nostri utenti a rivedere l’informativa prima del 15 maggio, quando saranno disponibili le nuove opzioni business

Fine aggiornamento del 15 gennaio 2021.

Aggiornamento del 11 gennaio 2021: Abbiamo conferme da parte di WhatsApp che gli Utenti Europei non saranno coinvolti in questi cambiamenti anche se accetteranno le nuove condizioni per la privacy.

Questo il comunicato ufficiale: “For the avoidance of any doubt, it is still the case that WhatsApp does not share European region WhatsApp user data with Facebook for the purpose of Facebook using this data to improve its products or advertisements

There are no changes to WhatsApp’s data sharing practices in the European region (including UK) arising from the updated Terms of Service and Privacy Policy,

Fonte: Via

Fine aggiornamento del 11 gennaio 2021.

Infatti Facebook, che detiene il controllo dell’App, ha aggiornato alcuni paragrafi introducendo la possibilità da parte di quest’ultima di condividere i dati degli utenti WhatsApp su altre piattaforme controllate dalla stessa Facebook.

Si tratta di una novità che è il contrario di quello che aveva promesso l’applicazione nel 2014 quando fu acquistata dal social network: sapere il meno possibile dei propri utenti e non condividere i loro dati.

Sebbene quest’imposizione poteva essere rifiutata all’interno delle opzioni di accettazione della privacy, a partire dal 8 febbraio 2021 non ci sarà più scelta da parte degli utenti: dovranno accettare i cambiamenti.

Da sottolineare però che grazie alla tutela della Privacy Europea (GDPR) al momento WhatsApp non condividerà le informazioni degli utenti europei (compresa l’Italia) con Facebook a scopo pubblicitario.

Invece negli altri paesi non EU tali dati potrebbero essere utilizzati anche per scopi pubblicitari.

Quali sono le informazioni che saranno condivise da WhatsApp con Facebook a partire dal 8 febbraio 2021?

Da quello che sappiamo l’app di messaggistica istantanea condividerà con altre piattaforme/società di proprietà di Facebook dati come:

  1. Posizione (geo-localizzazione);
  2. Indirizzi IP;
  3. Modello di smartphone utilizzato;
  4. Sistema operativo;
  5. Livello della batteria;
  6. Potenza del segnale mobile;
  7. Browser Web utilizzato;
  8. Rete mobile;
  9. ISP;
  10. Lingua;
  11. Fuso orario;
  12. IMEI.

Verrebbero poi condivise informazioni più specifiche sull’interazione degli utenti quando chattano tra di loro, comprendendo informazioni su come stai messaggiando, chiamando, a quali gruppi di chat stai partecipando, lo stato, la foto del profilo, l’ultima volta che sei stato online eccetera.

Inoltre a scopo solamente di analisi statistica, verranno acquisiti dati su “transazioni e pagamenti” effettuate direttamente con l’App.

In conclusione se non volete condividere i vostri dati su WhatsApp con Facebook avrete solo una scelta a partire dal 8 febbraio 2021: cancellare l’app smettendo di utilizzare questo servizio.

Fonte: Notizia Ufficiale

Lascia la tua opinione