Wind propone il rimborso alla fatturazione 28 giorni o alternative (sconti, voucher)

Tommaso Lenci
19 Giu 2019

Wind fa i primi passi per adempiere alla delibera AGCOM n.269/18/CONS: i clienti possono richiedere un rimborso in fattura o soluzioni alternative come sconti o voucher.

Wind rimborso fatturazione 28 giorni

Dopo avervi segnalato che TIM e Vodafone hanno presentato ai propri clienti alcune alternative al rimborso in fattura della delibera AGCOM n.269/18/CONS, oggi anche Wind ha fatto i primi passi.

Wind propone il rimborso in fattura dei giorni erosi secondo la DELIBERA 269/18/CONS e alternative

A differenza delle prime due società, lo storico operatore arancione ha già presentato la possibilità di richiedere il rimborso dei giorni erosi direttamente in fattura.

Basta entrare nell’area clienti del sito ufficiale Infostrada per notare la nuova opzione “DELIBERA 269/18/CONS”

Nuova sezione DELIBERA 269/18/CONS di Wind: ecco il testo ufficiale

Entrando nella nuova sezione, l’Utente si trova di fronte ad una nuova pagina web appositamente sviluppata da Wind che fornisce altre informazioni.

Ecco cosa c’è scritto: ” Wind Tre ti propone di scegliere, in tutta libertà, una tra le opzioni di ristoro disponibili in questa pagina molte delle quali di valore superiore a quanto previsto dalla Delibera n. 269/18/CONS​ che detta l’obbligo, per gli operatori telefonici, di ristorare i propri clienti relativamente al tema della fatturazione a 28 giorni.

Potrai scegliere tra molte proposte di Partner selezionati, nonché GIGA gratuiti che Wind Tre ti mette a disposizione.

Scegli in tutta tranquillità, il catalogo sarà in continuo aggiornamento con eventuali variazioni delle soluzioni offerte, ricordandoti che, laddove tu lo preferissi, potrai scegliere di richiedere il ristoro tramite storno in fattura.

Dopo aver consultato le alternative disponibili nel catalogo, effettua e conferma la tua scelta. Ti ricordiamo che la tua scelta sulle modalità di restituzione dei giorni erosi non implica acquiescenza di Wind Tre alla delibera AGCOM n.269/18/CONS ed alle precedenti sul medesimo tema, e che una volta effettuata, questa non potrà essere modificata. Con la scelta alternativa al ristoro tramite storno in fattura, tu accetti di rinunciare espressamente e inequivocabilmente alla restituzione dei giorni erosi nel periodo decorrente dal 23 giugno 2017 fino al ritorno alla fatturazione su base mensile e non avrai più nulla a che pretendere da Wind Tre.​”

Va sottolineata questa sezione del testo, di cui bisogna stare molto attenti: tu accetti di rinunciare espressamente e inequivocabilmente alla restituzione dei giorni erosi nel periodo decorrente dal 23 giugno 2017 fino al ritorno alla fatturazione su base mensile e non avrai più nulla a che pretendere da Wind Tre”.

Sostanzialmente tutti gli utenti che accettano o il rimborso in fattura o uno dei premi-voucher-sconti messi a disposizione da oggi non potranno più richiedere nulla all’operatore arancione in fatto di delibera AGCOM n.269/18/CONS.

Bisogna stare attenti perché la delibera n.269/18/CONS è ancora in fase di disputa legale tra AGCOM e tutti gli operatori fissi coinvolti.

Questo significa che se l’AGCOM vincerà la disputa legale i rimborsi dovrebbero essere più sostanziosi rispetto a quello che gli operatori al momento offrono.

Altri rimborsi alternativi a quelli in fattura

Sta di fatto che oltre al rimborso ci sono i seguenti premi-voucher-sconti da poter scegliere come alternativa:

  • Alcatel 1X al costo di 79,90 euro (20 euro di sconto per l’acquisto);
  • Huawei P Smart al costo di 199,99 euro (50 euro di sconto per l’acquisto);
  • 100 Giga al mese a tempo indeterminato (condivisibili anche con 4 SIM ricaricabili Wind);
  • Centro Benessere SPA, 2 ingressi al costo di 1 in oltre 100 centri Beauty;
  • Beauty, 1 trattamento a scelta, e un altro in regalo in oltre 300 centri Beauty selezionati;
  • EF (Education First), 200 euro su vacanze studio/corsi di lingua di 2 settimane;
  • NaturaSi 20 euro di sconto su 90 euro di spesa;
  • ePRICE 10 euro di sconto su 49 euro di spesa;
  • BERLITZ buono da 50 euro per acquistare un corso a scelta;
  • Destination Gusto sconto del 15% su 50 euro di spesa;
  • NaturaSi 10 euro di sconto su 50 euro di spesa;
  • DayBreakHotels.com 10 euro su 50 euro di spesa, hotel prenotabili in Day Use;
  • laFeltrinelli.it 5 euro di sconto su 45 euro di spesa;
  • Velasca 20 euro di sconto su un acquisto di 100 euro;
  • DayBreakHotels.com 20 euro su 100 euro di spesa, hotel prenotabili in Day Use;
  • ePRICE 15 euro di sconto su 199 euro di spesa;
  • Df Sport Specialist 20 euro di sconto su 100 euro di spesa;
  • Df Sport Specialist 10 euro di sconto su 50 euro di spesa.

Come afferma la stessa Wind, la lista in questione potrebbe cambiare nel corso del tempo e aggiornarsi con nuove offerte dato che alcune di queste sono a numero limitato e potrebbero esaurirsi.

Sta di fatto che l’utente al momento ha una prima scelta, ma noi vi consigliamo di attendere per vedere alla fine quale sarà il reale rimborso che gli operatori telefonici dovranno pagare secondo la definitiva sentenza AGCOM.

Lascia la tua opinione