Xiaomi Mi 10 Pro e Redmi K30 Pro driver GPU Snapdragon 865 aggiornati in Cina

Tommaso Lenci
29 Apr 2020

Xiaomi ha rilasciato un aggiornamento driver per la GPU del chipset Snapdragon 865 sui dispositivi Redmi K30 Pro, Xiaomi Mi 10 Pro e Mi 10 in Cina.

Xiaomi MI 10 pro, Mi 10 e Redmi K30 Pro GPU driver

Forse ve lo siete persi, oppure no, ma vi ricordo che nelle ultime settimane Qualcomm aveva annunciato la possibilità di aggiornare i driver della GPU dei propri chipset più recenti.

I chipset in questione sono lo Snapdragon 865 e lo Snapdragon 765G, entrambi compatibili con la connettività 5G.

Oggi abbiamo la conferma che il primo produttore mondiale che ha aggiornato i driver della GPU per alcuni suoi dispositivi è Xiaomi.

Xiaomi Mi 10 Pro, Mi 10 e Redmi K30 Pro sono primi smartphone Snapdragon 865 a ricevere l’aggiornamento driver della GPU

Infatti l’azienda cinese ha aggiornare le GPU dei dispositivi che attualmente utilizzano lo Snapdragon 865: lo Xiaomi Mi 10 Pro, Mi 10 e il Redmi K30 Pro.

L’aggiornamento in questione la momento è in distribuzione tramite l’applicazione ufficiale di Xiaomi solo per i clienti residenti in Cina; non sappiamo se in futuro tale funzionalità sarà diffusa anche in Europa.

Da quello che sappiamo il nuovo aggiornamento driver porterà a miglioramenti e ottimizzazioni delle prestazioni della GPU Adreno 650 soprattutto in specifici videogames come:

  • PUBG Mobile;
  • Fortnite;
  • Honkai Impact 3rd.

Oltre all’aggiornamento driver specifico per la GPU, sono stati aggiornati pure i codici OpenGl ES e Vulkan all’ultima versione disponibile per il massimo della compatibilità software.

Vi ricordo che gli aggiornamenti driver per le GPU per i nuovi chipset di Qualcomm sono forniti direttamente dall’azienda americana ai propri partner commerciali.

Sono però i produttori di smartphone che si prendono carico di implementarli sui propri dispositivi, e renderli poi disponibili al download per il consumatore finale.

Qualcomm non fornirà mai direttamente ai consumatori un applicazione per aggiornare i driver della GPU dei propri chipset Snapdragon.

Xiaomi è stata la prima a fruttare questa possibilità, vedremo se nelle prossime settimane altri importanti produttori di smartphone seguiranno l’esempio.

Fonte: Via

Lascia la tua opinione