Xiaomi MI 11 con MIUI 12.5 ufficiale in Cina: caratteristiche e prezzo

Tommaso Lenci
28 Dic 2020

Ufficializzato oggi in Cina il nuovo smartphone top di gamma Xiaomi MI 11 con la nuova interfaccia MIUI 12.5 basata su Android 11: caratteristiche principali e prezzo.

Xiaomi MI 11 ufficiale caratteristiche e prezzi

Da pochi minuti si è concluso l’evento mediatico di Xiaomi che ha presentato per il mercato cinese i nuovi Mi 11, i primi smartphone al mondo con chipset Snapdragon 888.

Xiaomi MI 11 ufficiale con MIUI 12.5: i dettagli da conoscere del nuovo top di gamma cinese

Display e design

Il nuovo Xiaomi MI 11 si presenta con un display Amoled con bordi curvi da 6.81 pollici di diagonale e risoluzione nativa QHD+ (551 PPI).

Il pannello supporta la frequenza di aggiornamento adattiva a 120Hz, una velocità di risposta al tocco di 480Hz, ha una luminosità massima di 1500 Nits, supporta i colori a 10Bit con HDR10+.

La protezione del display viene affidata alla recente tecnologia Corning Gorilla Glass Victus.

Dal punto di vista del design il vetro curvo del pannello anteriore permette di ottenere un bordo in metallo visibile di appena 1.8mm nella parte più sottile, mentre nella zona dove è posizionato il tasto volume e accensione lo spessore è aumentato.

Lo Xiaomi Mi 11 punta ad essere più compatto e leggero rispetto alla generazione Mi 10.

Infatti le dimensioni del dispositivo sono pari a 164.3 x 74.6 x 8.06 mm per un peso complessivo di 196 grammi.

Esiste pure una versione con scocca rifinita in pelle (al posto del vetro) che ha invece dimensioni pari a 164.3 x 74.6 x 8.56mm per un peso di 194 grammi.

La versione con scocca in vetro sarà venduta in quattro colorazioni: nero, bianco, viola e blu chiaro.

Invece la variante con scocca rifinita in pelle sarà disponibile nella classica colorazione beige scuro e viola.

Ci sarà pure una versione speciale con firma sulla scocca del CEO Lei Jun, ma sarà un edizione ultra limitata solo per la Cina.

Processore e memoria

Al suo interno Xiaomi ha deciso di utilizzare il recentissimo Snapdragon 888, il nuovo chipset top di gamma di Qualcomm per il 2021.

Lo Snapdragon 888 vi ricordo ha una nuova architettura Octa-core composta da:

  • 1x Kryo 680 Prime Core a 2,84 GHz;
  • 3 core Kryo 680 ad alte prestazioni a 2,4 GHz;
  • 4x Kryo 680 Efficiency Core a 1,8 GHz.

A questi otto core viene abbinata la GPU Adreno 660, che insieme al processore, garantisce prestazioni medie del 20-25% superiori al precedente Snapdragon 865 plus del 2020.

Miglioramenti prestazionali importanti si hanno pure nell’AI Engine e nel supporto al nuovo Spectra 580 ISP.

Le temperature del chipset Snapdragon 888 rimarranno sempre sotto controllo grazie alla tecnologia di dissipazione VC LiquidCool.

A livello di memorie lo Xiaomi MI 11 viene venduto nelle varianti:

  • 8GB di ram LPDDR5 (con trasferimento dati a 6400Mbps) e 128GB di memoria interna UFS 3.1;
  • 8GB di ram e 256GB di rom;
  • 12GB di ram e 256GB di memoria interna.

Multimedialità: meno fotocamere ma più ottimizzazione

Se in passato i top di gamma o fascia alta di Xiaomi ci hanno abituato ad almeno 4 fotocamere posteriori, con la nuova generazione MI 11 la situazione cambia.

Lo Xiaomi MI 11 infatti nel suo modulo fotografico posteriore utilizza solo tre sensori:

  • Sensore Primario da 108 MP, 1 / 1,33 “, f / 1,85, 1,6 µm, OIS (stabilizzazione ottica dell’immagine);
  • Grandangolare da 13MP, f / 2.4, 123 ° di campo visivo;
  • Macro da 5MP, f / 2.4, AF.

Per quanto riguarda la camera selfie, che è posizionata nel forellino in alto a sinistra del display, troviamo un sensore da 20MP con apertura lenti f/2.4.

Lo smartphone è in grado di registrare video in formato 8K a 30fps, 4K a 60 fps con supporto alla registrazione anche in HDR10+.

L’audio è ottimizzato data la presenza degli altoparlanti stereo sintonizzati da Harman Kardon, ma pare che sia assente il classico jack da 3.5mm per le cuffie.

Connettività

Oltre al supporto alla tecnologia 5G con il nuovo modem 5G X60, abbiamo il supporto al Wifi 6E dual band, il Bluetooth 5.2, il chipset NFC, la porta ad infrarossi, la porta USB Type C, lo scanner per le impronte digitali sotto il display e tutti i sistema di navigazione (GPS, Glonass eccetera).

Lo scanner biometrico ha pure una seconda funzione: funge da cardiofrequenzimetro grazie alla tecnologia di Goodix.

Inoltre è stata inserita una nuova funzione hardware/software che permette al MI 11 di condividere contemporaneamente l’audio su due dispositivi Bluetooth.

Batteria

Come da tradizione dell’azienda cinese anche gli Xiaomi MI 11 godono della ricarica wireless oltre che quella via cavo.

Il MI 11 monta una batteria interna da 4600 mAh che può essere ricaricata via cavo ad una velocità massima di 55W, wireless ad una velocità massima di 50W e premette di ricaricare altri dispositivi via wireless inversa fino a 10W.

Secondo il produttore asiatico servono circa 45 minuti per ricaricare la batteria da zero a cento via cavo, e circa 53 minuti se utilizzate la ricarica wireless da 50W.

Da sottolineare che nella confezione di vendita non sarà presenta il caricabatteria ufficiale da 55W che verrà venduto separatamente come optional.

Sistema operativo

Il nuovo Mi 11 debutterà sul mercato con Android 11 e con la nuova interfaccia personalizzata MIUI 12.5, la quale introduce alcuni cambiamenti nell’interfaccia, nel miglioramento della salvaguardia della privacy, nella gestione delle app e nel collegamento facilitato con PC Windows 10.

Xiaomi MI 11 prezzo e disponibilità (al momento in Cina)

Al momento è stata ufficializzata la disponibilità del nuovo MI 11 solamente per il mercato cinese, con i preordini già attivi da oggi 28 dicembre 2020 e con la commercializzazione (consegna) effettiva da gennaio 2021.

La versione base dello Xiaomi Mi 11 (8GB ram e 128GB rom) viene commercializzata in Cina  a 3999 Yuan ovvero circa 500 euro attuali.

Per la versione 8+256GB il prezzo sale a 4299 Yuan (538 euro circa), mentre per la versione top 12+256GB il prezzo sale a 4699 Yuan, circa 588 euro.

Nessuna informazione al momento sul prezzo e disponibilità in Europa, ma sicuramente a gennaio Xiaomi fornirà tutti i dettagli del caso.

Lascia la tua opinione