Xiaomi Mi 9T Pro recensione autonomia batteria: i risultati del test

Tommaso Lenci
1 Ott 2019

Ecco la recensione dell’autonomia generale e su test specifici dello Xiaomi Mi 9T Pro, lo smartphone con camera POP e chipset Snapdragon 855: i risultati.

Xiaomi Mi 9T Pro autonomia batteria: test risultati

Molti sul web hanno parlato bene dei recenti smartphone della serie MI 9 di Xiaomi, sopratutto per il loro rapporto qualità prezzo.

Ma questi dispositivi garantiscono un autonomia generale degna di nota? Oggi analizziamo nello specifico il Mi 9T Pro.

Xiaomi Mi 9T Pro: ecco i risultati sulla durata della batteria in vari utilizzi

I principali fattori hardware e software che possono determinare l’autonomia

Per prima cosa vi ricordo che l’autonomia di uno smartphone dipende sostanzialmente dal chipset utilizzato (quanto è potente, quanto è ottimizzato per il risparmio energetico, che tipo di architettura usa), dal display (tecnologia, grandezza e risoluzione), ovviamente dalla potenza della batteria e infine dalle ottimizzazioni software (gestione delle applicazioni in background).

Lo Xiaomi Mi 9T Pro monta il chipset Snapdragon 855 (octa-core CPU (1×2.84 GHz Kryo 485 Gold + 3×2.42 Kryo 485 Gold + 4×1.78 GHz Kryo 485 Silver) con GPU Adreno 640.

Viene poi utilizzato un display Super Amoled (senza tacche) da 6.39 pollici di diagonale in formato 19.5:9 e risoluzione nativa FHD+ 2340 x 1080 pixel (402 PPI).

Infine troviamo una batteria interna da 4000 mAh e come sistema operativo c’è Android Pie 9.0 personalizzato con interfaccia MIUI 10.x.

I dati che saranno esposti qua sotto sono stati forniti direttamente dal sito GSMARENA, dati catturati analizzando il comportamento del dispositivo durante le chiamate telefoniche, la navigazione sul web e la riproduzione di video.

Autonomia chiamate telefoniche

Iniziamo subito bene, considerato che lo Xiaomi Mi 9T Pro garantisce agli utenti fino a 33 ore e 23 minuti di conversazione telefonica.

Si tratta di un valore in termini assoluti molto interessante, dato che si posiziona tra gli smartphone con l’autonomia più elevata in questo campo.

In termini relativi il risultato è estremamente buono, considerato che ci sono smartphone come il Galaxy A50 che con la stessa batteria fanno 10 ore di autonomia in meno in questo test.

Il Mi 9T Pro batte anche uno smartphone di fascia media come il Redmi Note 7 con la stessa batteria da 4000 mAh, anche se la differenza in questo caso è di appena un paio d’ore.

Navigazione sul web tramite Wifi: l’autonomia

Ormai navigare sul web tramite un dispositivo mobile è una delle principali attività che una persona svolge con il proprio smartphone.

Ebbene utilizzando solo la connettività Wifi per navigare su internet, il nuovo Mi 9T Pro garantisce all’utente fino a 13 ore e 33 minuti di web senza spegnersi utilizzando il browser stock (di Xiaomi in questo caso).

Non siamo ai livelli d’autonomia in termini assoluti come quelli del test sulle chiamate telefoniche, ma questo smartphone fa sempre un buon lavoro considerata la grandezza e risoluzione del display.

Diciamo che sul mercato ci sono smartphone che in questo campo con batterie simili o poco più potenti che fanno anche meglio, quindi niente di eccezionale.

Riproduzione di video in alta definizione: la durata della batteria

Nel test della riproduzione di video in alta definizione, lo Xiaomi Mi 9T Pro torna a emettere risultati decisamente interessanti, degni di nota.

Infatti lo smartphone dell’azienda cinese vi permetterà di vedere contenuti multimediali per una durata massima di ben 20 ore e 33 minuti.

Ringraziamo sicuramente l’efficienza dello Snapdragon 855 Plus con la sua accelerazione hardware e il display Amoled che consumano poco in questo tipo di utilizzo.

Considerato che il display del MI 9T Pro è senza tacca, guadare contenuti video e per così tanto tempo fa di questo smartphone un ottimo centro multimediale portatile.

Autonomia con utilizzo medio-basso e intenso per lo Xiaomi Mi 9T Pro

Considerati i test precedenti e l’autonomia generale in stand-by dello smartphone, con un utilizzo medio questo Mi 9T Pro vi fornirà un autonomia più che buona.

Più nello specifico con un utilizzo medio-basso questo smartphone di fascia alta può garantire alla grande maggioranza degli utenti un autonomia generale superiore ai 2 giorni pieni.

Attenzione però: si tratta di un valore generale oggettivo che potrebbe migliorare o peggiorare a seconda dell’utilizzo dello smartphone (per esempio se chiamate di più e navigate di meno questo valore migliorerà sensibilmente).

Gli utenti che invece hanno un utilizzo quotidiano piuttosto alto o intenso possono stare tranquilli: questo Mi 9T PRO vi garantirà un autonomia giornaliera sicura e fino a metà giornata successiva.

Anche in questo caso l’autonomia con utilizzo intenso può sempre variare in meglio o in peggio a seconda dell’utilizzo specifico dello smartphone.

In conclusione se state via per un weekend pieno lo Xiaomi Mi 9T Pro, se non troppo utilizzato, può garantirvi un autonomia sufficiente per non farvi portare dietro il caricabatteria o una power-bank.

Da ricordare anche che questo Xiaomi supporta pure la ricarica rapida ad una velocità massima di 18W via cavo.

Il produttore afferma che il telefono può ricaricare il 50% della batteria in appena 30 minuti; per una ricarica completa da zero a cento invece servono circa 100 minuti.

Conclusioni sull’autonomia dello Xiaomi Mi 9T Pro

Rispetto allo Xiaomi Mi 9, che dispone di una batteria da 3300 mAh, il Mi 9T Pro offre un autonomia generale superiore.

Ma da sottolineare che quest’autonomia superiore non dipende da migliori ottimizzazioni hardware o software: dipende solo dalla potenza della batteria maggiorata a 4000 mAh.

Per il resto il telefono garantisce un autonomia generale per utenti “normali” e per utenti “smanettoni” anche superiori alle aspettative in alcuni ambiti di utilizzo.

Se vi piace il design senza tacche, e volete un dispositivo che non vi abbandoni mai per almeno 24 ore di fila, allora questo smartphone potrebbe fare al caso vostro.

Lascia la tua opinione