Xiaomi Mi Note 10 recensione autonomia batteria: 5260 mAh sono tanti?

Tommaso Lenci
14 Dic 2019

Il primo smartphone android con fotocamera principale da 108MP, lo Xiaomi Mi Note 10, ha pure una potente batteria da 5260 mAh: autonomia generale da urlo?

Xiaomi Mi Note 10 autonomia batteria: la recensione

Giusto qualche settimana fa Xiaomi ha presentato al grande pubblico il suo Mi Note 10 caratterizzato dal fatto di essere il primo smartphone android al mondo con sensore fotografico principale da 108MP.

Oltre a questo lo smartphone dispone anche di una potente batteria da 5260 mAh: basterà quest’ultima per stupire in termini di autonomia generale?

Xiaomi Mi Note 10: ecco i risultati sulla durata della batteria in vari utilizzi

I principali fattori hardware e software che possono determinare l’autonomia

Per prima cosa vi ricordo che l’autonomia di uno smartphone dipende sostanzialmente dal chipset utilizzato (quanto è potente, quanto è ottimizzato per il risparmio energetico, che tipo di architettura usa), dal display (tecnologia, grandezza e risoluzione), ovviamente dalla potenza della batteria e infine dalle ottimizzazioni software (gestione delle applicazioni in background).

Lo Xiaomi Mi Note 10 incorpora al suo interno un chipset Snapdragon 730G octa-core CPU (2×2.2 GHz Kryo 470 Gold & 6×1.8 GHz Kryo 470 Silver) abbinato ad una GPU Adreno 618.

Il display dello smartphone è un unità OLED curva ai bordi con diagonale di 6.47 pollici e una risoluzione nativa FHD+ 2340 x 1080 pixel (398PPI) e formato 19.5:9.

Monta una batteria interna da 5260 mAh, e come sistema operativo è presente Android Pie 9.0 con interfaccia personalizzata MIUI 11.

I dati che saranno esposti qua sotto sono stati forniti direttamente dal sito GSMARENA, dati catturati analizzando il comportamento del dispositivo durante le chiamate telefoniche, la navigazione sul web e la riproduzione di video.

Autonomia chiamate telefoniche

Se effettuate molte chiamate telefoniche, lo Xiaomi Mi Note 10 potrebbe essere una soluzione particolarmente adatta considerato che lo smartphone permette di effettuare conversazioni per ben 33 ore e 34 minuti consecutivamente.

Attenzione però! In termini assoluti il valore è particolarmente buono, ma in termini relativi considerata la potenza della batteria non siamo rimasti particolarmente stupiti.

Ci sono infatti dispositivi, sempre di Xiaomi, come il MI 9T Pro che con una batteria da 4000 mAh garantisce più o meno gli stessi risultati.

Con future ottimizzazioni, magari con l’aggiornamento ad Android 10, ci aspettiamo miglioramenti interessanti.

Navigazione sul web tramite Wifi: l’autonomia

Se vi piace navigare molto sul web in mobilità con il vostro smartphone, lo Xiaomi Mi Note 10 vi permette di stare su internet con il browser mobile stock via Wifi circa 12 ore e 32 minuti.

Il valore in considerazione in termini assoluti è buono, ma ancora una volta se vediamo che lo smartphone utilizza una batteria da 5260 mAh, beh insomma si può fare di meglio.

Per esempio l’OnePlus 7T con una batteria da 3800 mAh, e un display leggermente più grosso, ottiene valori leggermente superiori: questa è un ottimizzazioni di alto livello.

Riproduzione di video in alta definizione: la durata della batteria

Ecco, in questo test lo Xiaomi Mi Note 10 fa valere pesantemente la sua potente batteria, e una buona ottimizzazione.

Lo smartphone dell’azienda cinese infatti vi permette di riprodurre video in alta definizione per una durata massima di circa 22 ore e 20 minuti.

Come centro multimediale questo smartphone potrebbe fare la felicità di molti, considerato il display AMOLED di livello con compatibilità HDR10.

Autonomia con utilizzo medio-basso e intenso per lo Xiaomi Mi Note 10

Considerati i test precedenti e l’autonomia generale in stand-by dello smartphone, con un utilizzo medio questo Xiaomi Mi Note 10 vi fornirà un autonomia sempre più che soddisfacente.

Più nello specifico con un utilizzo medio-basso, questo dispositivo è capace di garantirvi fino a due giorni di autonomia quasi piena, che potrebbero aumentare o diminuire a seconda del tipo di utilizzo fatto durante la giornata.

Se siete invece utenti che hanno un utilizzo alto o intenso dello smartphone durante la giornata, state tranquilli: questo Xiaomi Mi Note 10 vi garantirà sicuramente l’intera giornata di utilizzo, e qualche ora per il secondo giorno.

Ovviamente anche qua l’autonomia potrebbe variare a seconda dell’utilizzo fatto, in meglio o in peggio: guardare video consumerà molto meno batteria che navigare sul web per esempio.

L’utente con utilizzo intenso comunque dovrà ricaricare il dispositivo il secondo giorno, per avere un autonomia piena fino a sera.

I valori ottenuti sembrano essere inficiati da un livello di consumo in stand-by superiore alla media: qua Xiaomi deve lavorare per ottimizzare il software.

Bisogna anche ricordare che il Mi Note 10 supporta la ricarica rapida ad una velocità massima pari a 30W via Cavo e tecnologia USB Power Delivery.

Questa ricarica rapida permette di ricaricare il 57% della batteria in circa 30 minuti, mentre per una ricarica completa da zero a cento ci vogliono approssimatamente 65 minuti.

Conclusioni sull’autonomia dello Xiaomi Mi Note 10

Possiamo affermare che il nuovo top di gamma di Xiaomi gode di un autonomia generale buona in tutti gli ambiti di utilizzo, ma quest’autonomia è fortemente condizionata dalla potenza della batteria da ben 5260 mAh.

Infatti in termini di ottimizzazione generale, sembra che lo Xiaomi Mi Note 10 non sia ancora del tutto rodato, molto probabilmente perché è uscito nativamente con la MIUI 11 e servono ancora ottimizzazioni software future.

Sulla carta se Xiaomi apporterà le tipiche ottimizzazioni che rilascia nel tempo, questo Mi Note 10 potrebbe aumentare l’autonomia generale e iniziare a sfruttare meglio tutti i mAh disponibili.

Bene la ricarica rapida, che è piuttosto veloce e efficiente considerato i tempo necessario per ricaricare una batteria così grossa.

E’ un dispositivo promosso, ma con qualche riserva.

Lascia la tua opinione