Xiaomi Redmi Note 9S recensione autonomia batteria: un vero battery-phone?

Tommaso Lenci
20 Giu 2020

Sotto esame lo smartphone android di fascia media Redmi Note 9S di Xiaomi: la batteria da 5020 mAh impressionerà? I risultati del test.

Redmi Note 9S autonomia batteria la recensione

Di recente Xiaomi ha lanciato la serie Redmi Note 9 che comprende il modello 9S, 9 e 9 Pro: tutti questi tre smartphone in comune hanno una potente batteria da 5020 mAh.

Vediamo oggi se il Redmi Note 9S, lo smartphone che sta nel mezzo nella nuova gamma, garantisce un’autonomia da vero battery-phone.

Xiaomi Redmi Note 9s: ecco i risultati sulla durata della batteria in vari utilizzi

I principali fattori hardware e software che possono determinare l’autonomia

Per prima cosa vi ricordo che l’autonomia di uno smartphone dipende sostanzialmente dal chipset utilizzato (quanto è potente, quanto è ottimizzato per il risparmio energetico, che tipo di architettura usa), dal display (tecnologia, grandezza e risoluzione), ovviamente dalla potenza della batteria e infine dalle ottimizzazioni software (gestione delle applicazioni in background).

Il Redmi Note 9s monta un display LCD IPS da 6.67 pollici di diagonale con una risoluzione nativa FHD+ 2400 x 1080 pixel, supporto alla tecnologia HDR10, formato 20:9 e frequenza di aggiornamento a 60Hz.

Al suo interno viene utilizzato il chipset a 8nm Snapdragon 720G, un Octa-Core (2×2.3 GHz Kryo 465 Gold & 6×1.8 GHz Kryo 465 Silver) abbinato alla GPU Adreno 618.

La batteria di questo smartphone come già detto ha una potenza base di 5020 mAh con supporto alla ricarica rapida via cavo a 18W, e come sistema operativo troviamo Android 10 con interfaccia personalizzata EMUI 11.

I dati che saranno esposti qua sotto sono stati forniti direttamente dal sito GSMARENA, dati catturati analizzando il comportamento del dispositivo durante le chiamate telefoniche, la navigazione sul web e la riproduzione di video.

Autonomia chiamate telefoniche

Se telefonate veramente tanto, ma così tanto che avete sempre l’orecchio appoggiato al vostro smartphone, non possiamo che consigliarvi l’acquisto di questo Note 9S.

Questo smartphone grazie agli ingegneri informatici di Xiaomi e all’hardware utilizzato (santa batteria!) garantisce la bellezza di 41 ore e 30 minuti di conversazione telefoniche in 3G.

Siamo di fronte ad uno dei valori più alti in assoluti mai visti nel panorama degli smartphone Android negli ultimi anni, e siamo sicuri che la batteria in questo caso viene sfruttata fino ad ogni singolo mAh.

Navigazione sul web tramite Wifi: l’autonomia

Signori, vi dico fin da subito che se volete un dispositivo per navigare così tanto da farvi annoiare internet, allora anche in questo caso il Redmi Note 9S fa al caso vostro.

Lo smartphone infatti è in grado di tenervi ancorati su internet tramite il browser stock installato di default per circa 19 ore e 12 minuti.

Sappiamo che i display LCD IPS al momento sono i pannelli migliori per la navigazione sul web, semplicemente perché la maggior-parte dei siti web ha sfondo bianco.

Oltre a questo il processore Snapdragon 720G si conferma un ottimo compromesso tra prestazioni e autonomia, e la batteria riesce a fornire l’energia sufficiente per quasi un intera giornata: è impressionante.

Promosso a pieni voti! Un ottimo rapporto autonomia-batteria in questo test specifico.

Riproduzione di video in alta definizione: la durata della batteria

Dopo due grandi risultati, il Redmi Note 9s delude leggermente nella riproduzione di video in alta risoluzione, non perché il valore sia basso ma perché ci aspettavamo qualcosina in più.

Il telefono di fatto garantisce un autonomia di circa 16 ore e 30 minuti durante la riproduzione di filmati, ma ci sono smartphone come lo Xiaomi Mi Note 10 Lite che con appena 200 mAh in più vi permettono di guardare video per oltre 21 ore.

Sicuramente il risultato non ottimale dipende dal fatto che i display LCD IPS consumano più energia rispetto ai pannelli OLED, quando riproduciamo contenuti multimediali sul telefono.

Possiamo dire che in termini assoluti il risultato rimane sempre buono, ma in termini relativi (in proporzione alla potenza della batteria) forse si poteva fare qualcosa di meglio.

Autonomia con utilizzo medio-basso e intenso per lo Xiaomi Redmi Note 9S

Sicuramente Xiaomi con Android 10 e interfaccia MIUI 11 ha migliorato l’autonomia generale del dispositivo sopratutto quando quest’ultimo non è sotto carico o si trova in stand-by.

L’utente con utilizzo intenso ha al 100% garantita un intera giornata d’autonomia dato che la batteria, salvo un uso smodato (innaturale e forzato), non terminerà prima di 24 ore.

Se utilizzato in maniera intensa in diversi utilizzi (compreso ovviamente anche lo stand-by) il telefono potrebbe arrivare a fornirvi fino a 40-42 ore d’autonomia a massimo.

Stiamo parlando di oltre una giornata e mezza, il che è sicuramente lodevole considerata la fascia di prezzo dello smartphone.

Gli utenti che invece fanno dello smartphone un utilizzo piuttosto normale (medio-basso) con questo Note 9S potrebbero addirittura trovarsi con oltre due giorni e mezzo d’autonomia prima di dover ricaricare il telefono.

Ovviamente ribadiamo che i livelli d’autonomia in questione sono una media oggettiva, media che potrebbe cambiare a seconda del tipo di utilizzo che l’utente fa del telefono (ad esempio telefonare consuma meno batteria che giocare ai videogames).

Ricarica rapida: i tempi

Il Redmi Note 9S gode pure di una tecnologia di ricarica rapida della batteria ad una velocità massima via cavo di 18W.

Oggettivamente la ricarica a 18W non è particolarmente veloce, ma vi permette di ricaricare il 37% della batteria da 5020 mAh in circa 30 minuti, il 60% in circa 50 minuti e infine il 100% in un ora e 45 minuti.

Considerata l’elevata autonomia generale dello smartphone, un utente con utilizzo medio-basso potrebbe di fatto ricaricare solo il 37% della batteria in 30 minuti per coprire tutta la giornata.

Conclusioni sull’autonomia dello Xiaomi Redmi Note 9S

Arrivati alle conclusioni, dal punto di vista dell’autonomia generale questo Note 9S ci è piaciuto.

Di fatto lo smartphone garantisce in questo campo prestazioni più che buone per gli utenti più “smanettoni” e prestazioni straordinarie per l’utente medio che non ha grosse pretese.

E’ un vero battery-phone, di quelli che non vi fanno preoccupare di finire la batteria entro la fine della giornata e non vi limita nell’utilizzo delle attività necessarie per le vostre esigenze.

Ovviamente c’è la limitazione dovuta alla ricarica rapida non troppo veloce (considerati gli standard odierni di smartphone più costosi).

Quindi se puntate su un dispositivo con un ottima autonomia ma che strizza l’occhio anche all’estetica e a comparto fotografico, questo dispositivo potrebbe fare al caso vostro.

Lascia la tua opinione