Youtube per Android si aggiorna: riproduzione video 4K anche senza display 4K

Tommaso Lenci
21 Feb 2021

Youtube per Android si è aggiornato di recente: adesso permette a tutti gli utenti di impostare la riproduzione video in 4K anche se non si dispone di un display Ultra HD.

Youtube Android riproduzione 4K anche senza display 4K

Di recente Google ha rilasciato un aggiornamento lato server che coinvolge le ultime versioni dell’applicazione Youtube su Android (dalla 15.05.35 in poi).

Youtube per Android: nuovo aggiornamento permette la visione di contenuti in 4K anche su display meno risoluti

Il nuovo aggiornamento permette la visione di contenuti multimediali alla risoluzione 4K 60 fps anche su dispositivi senza un display con risoluzione Ultra HD.

Di fatto in precedenza la riproduzione di video su Youtube per Android era limitata ad una risoluzione pari a quella del display del dispositivo utilizzato.

Per esempio se il vostro smartphone ha un display FHD 1080p, l’app vi permetteva di vedere contenuti al massimo in 1080p.

Adesso invece potete scegliere manualmente la risoluzione video che più vi aggrada nel menù delle opzioni.

Ovviamente non c’è un vantaggio enorme nel riprodurre contenuti con risoluzione più elevata su display con risoluzione più bassa: potrete unicamente notare dettagli più elevati in generale, ma niente di rivoluzionario.

I migliori dettagli si potranno notare in dispositivi con display molto grandi, almeno da 6.5 pollici in su.

Ovviamente di contro la riproduzione di contenuti in Ultra HD consumeranno più batteria, dato che il processore farà più fatica a riprodurli anche con una accelerazione hardware nativa della GPU.

Inoltre va sottolineato che la riproduzione in 4K, addirittura a 60 fps, necessita di un processore top di gamma con al massimo 2 anni di vita commerciale.

Ad esempio un Galaxy S10 con Snapdragon 855 o Exynos 9820 sono in grado di farlo.

Di fatto vi conviene prima controllare se il chipset del vostro dispositivo mobile, smartphone o tablet lato hardware permette l’accelerazione di contenuti in 4K.

Fonte: Via

Lascia la tua opinione